Proroga del bonus vacanze: con la bassa stagione vale di più

Sono tanti gli italiani che hanno intenzione di approfittare della proroga del bonus vacanze ed è sicuramente una buona idea quella che hanno avuto.

Il bonus vacanze è stato prorogato fino a fine anno. Pensato inizialmente per stimolare la spesa durante le vacanze estive del 2021 questo bonus e però stato prorogato per consentire agli italiani di risparmiare in vacanza anche dopo l’estate. Di conseguenza sono tanti gli italiani che hanno deciso di programmare le vacanze in periodi di bassa stagione. Così facendo oltre al bonus del governo si potranno usufruire di prezzi notevolmente più bassi e dunque avere un doppio risparmio. Prima della proroga questo sarebbe stato impossibile, ma con la proroga in tanti hanno preferito sommare il risparmio offerto dal governo a quello proprio della bassa stagione.

Meglio approfittare della bassa stagione

Federalberghi non nasconde La sua soddisfazione per questo bonus che a suo giudizio può essere estremamente utile sia per il comparto del turismo duramente colpito dal Covid che per gli italiani consentendo un notevole risparmio. Ma il presidente di Federalberghi raccomanda agli italiani di “Non dimenticare il bonus nel cassetto” e questa è proprio la stagione giusta per approfittarne. La proroga è stata stabilita nel decreto Sostegni bis. Chiariamo che il bonus deve essere già stato chiesto. Infatti si poteva chiedere dal primo luglio al 31 dicembre del 2020 ma si può utilizzare fino al 31 dicembre 2021. E’ limitato ai nuclei familiari con un ISEE fino a €40.000.

Leggi anche: Taranto, il bambino di 8 anni si ammala gravemente per colpa dell’inquinamento e decide di scrivere lui al Sindaco

E’ proporzionale a numero di membri del nucleo familiare. €150 per una persona e €300 per 2 persone. Se il nucleo familiare è composto da 3 o più persone la cifra rimane fissa a €500.

Leggi anche:Il dibattito negato: auto elettrica significa ecologia, ma anche disoccupazione

Deve essere speso presso un’unica struttura turistica in Italia, ma anche in un’agenzia di viaggio o tour operator e per l’80% è uno sconto immediato mentre per il restante 20% è una detrazione di imposta al momento della dichiarazione dei redditi