Giorgia Meloni è milionaria. Vediamo come ha fatto

Giorgia Meloni è una delle donne più forti della politica italiana. Ha fatto tutta la gavetta nel centro-destra diventando una giovanissima ministra per la gioventù.

Nel tempo si è collocata nella destra più nazionalista e conservatrice. Insieme ad Ignazio La Russa altro personaggio di spicco del centrodestra ha creato Fratelli d’Italia, partito che ormai è tutt’uno con lei. Le sue posizioni sociali e conservatrici le hanno attirato le simpatie di tanta parte dell’elettorato. Non ha mai amato particolarmente reclamizzare la sua vita privata ma è noto che è stata la baby sitter della figlia di Fiorello. Ha svolto tanti lavori sempre con determinazione ma ha sempre cercato di mantenere il suo privato piuttosto riservato. Tuttavia più la sua popolarità aumenta e più questo è difficile. Si sa che dal 2013 è legata ad Andrea Gianburo e che hanno avuto una figlia che si chiama Ginevra.

Quanto guadagna

In quanto deputato Giorgia Meloni percepisce poco più di €5000 al mese ma a questa cifra vanno aggiunte la diaria ed il rimborso spese che valgono altri €7000 circa. Nelle ultime annualità la popolare presidente di Fratelli d’Italia ha dichiarato un reddito di circa €100.000 all’anno. Alcuni stimano che a partire dal 2006 avrebbe introitato complessivamente un milione e mezzo di euro. La sua popolarità è legata a doppio filo al rapporto forte che ha con il suo elettorato. Il successo del suo ultimo libro lo dimostra. Gli osservatori politici danno la sua carriera in ascesa ed anche in Europa è un personaggio molto ascoltato negli ambienti più conservatori.

Leggi anche: Criptovalute ormai mainstream: la SEC vicina ad approvare ETF su Bitcoin

E’ sui social che Giorgia meloni consolida il suo rapporto con la base non sottraendosi anche ad aspre polemiche.

Leggi anche: Dolce&Gabbana creano oggetti virtuali unici e costosissimi ispirati a Venezia

Ma è soprattutto tra la gente che la Presidente di Fratelli d’Italia riesce ad esprimere la sua capacità di interpretare gli umori di un elettorato spesso deluso dai partiti più moderati.