Mettersi in proprio sfruttando la forte tendenza degli animali domestici

Le statistiche parlano chiaro: gli italiani amano gli animali domestici e ne hanno in casa sempre di più.

Il lockdown ha favorito questa tendenza. Gli italiani spinti forse dal senso di solitudine percepito tra le quattro mura hanno ulteriormente aumentato la quantità di animali domestici posseduti. Ma il dato più significativo in questo senso non è soltanto la quantità di animali domestici che ci sono nel nostro paese, ma il grado di coinvolgimento che hanno le persone con essi. Infatti tutti gli studi fatti dalle società di analisi di settore, rivelano come gli italiani per gli animali domestici siano disposti a spendere tanto e si consultino tra loro alla ricerca dei servizi più utili ma anche semplicemente più alla moda rivolti ai loro piccoli amici.

Un trend in crescita costante

Ecco che allora l’idea di proporre dei servizi in questo settore è quanto mai azzeccata. Anche perché è in costante crescita. In questo senso vi proponiamo due idee concrete per partire con questo tipo di business. Per semplificarvi la vita abbiamo scelto due proposte di franchising. Consentono di aprire direttamente nella vostra città anche se privi del know how un punto di servizi per gli animali domestici che sicuramente può incontrare un forte interesse della clientela. Questo tipo di scelte include la formazione, l’assistenza fiscale  e l’affiancamento.

Leggi anche: I 3 segreti per aprire un negozio di cannabis light di successo

Il primo è FreshDog ed offre al costo di soli 99 euro al mese l’ingresso in questo franchising di toelettatura per cani, accompagnando passo per passo anche il neofita in questa attività. 

Leggi anche: Pedopornografia: Apple vuole frugare nei dispositivi, ma per ora non può

Il secondo si chiama Pet’s Planet ed è un franchising alimentare. Anche l’alimentazione degli animali è un settore in robusta crescita e questo franchising consente di puntare proprio su questo.