Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Gearbest forse fallito: la rabbia dei clienti

Foto dell'autore

Salvatore Dimaggio

Gearbest Forse ha chiuso i battenti vediamo che devono fare gli acquisti i clienti. Il sito di Gearbest risulta off-line ormai da giorni.

I più smanettoni che hanno cercato di interpretare la messaggistica di errore non riescono a capire di che cosa si tratti. Tuttavia appare improbabile il banale problema tecnico. Ricordiamo che Gearbest è una grandissima piattaforma molto popolare per l’acquisto di tantissimi prodotti. Ma sono soprattutto i prodotti tecnologici di fascia più bassa dunque più economici e concorrenziali a fare la parte del leone. Se un sito così grosso è offline da giorni chiaramente come dicevamo il problema tecnico è da escludere. A quanto pare però la società madre di Gearbest potrebbe essere in bancarotta.

Probabilmente ha chiuso i battenti

Tuttavia queste informazioni non sono né chiare neppure confermate: non è detto che la procedura di bancarotta della società madre di Gearbest significhi necessariamente bancarotta vera e propria. Così come non è detto che la bancarotta della società madre automaticamente faccia chiudere i battenti alle varie controllate che potrebbero benissimo confluire in altri gruppi. Ad ogni modo giorni e giorni di sito irraggiungibile non fanno presagire nulla di buono. Molto complessa la situazione per i clienti che abbiano fatto degli ordini.

Leggi anche: Investire puntando su una certezza: l’invecchiamento della popolazione

Infatti parliamo di un sito cinese nei confronti del quale è già piuttosto complicato per non dire impossibile il discorso post-vendita. Figuriamoci in una situazione del genere. E’ una situazione sicuramente da monitorare e da tenere in debito conto.

Leggi anche: Il grande economista Galbraith: sta cambiando tutto ed il crollo è quasi inevitabile

Certo è che se la Cina vuole fare la guerra da Amazon sul fronte dell’ ecommerce, fenomeni del genere significano che di strada da fare ne ha davvero ancora tanta.

Impostazioni privacy