Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Luce e gas, rincari continui. La BCE sotto accusa per aver minimizzato l’inflazione.

Foto dell'autore

Salvatore Dimaggio

Sono mesi che le banche centrali vanno avanti minimizzando l’inflazione.

Prima hanno sostenuto contro ogni evidenza che l’inflazione non esisteva. Poi hanno cambiato versione dicendo che era un fenomeno ininfluente e transitorio. Ormai questa tesi è diventata assolutamente insostenibile. La luce e il gas aumentano sulle bollette e quel che peggio è che il petrolio e il metano aumentano sulle borse: questo vuol dire che altri rincari arriveranno per i cittadini. La Banca Centrale Europea è sotto accusa. L’inflazione veniva chiaramente segnalata da tanti indicatori e da tanti analisti eppure la banca non ha voluto vedere.

La BCE non fa nulla

La Banca Centrale Europea in questi mesi non ha fatto niente per contenere la spirale inflazionistica che adesso sta deflagrando e che potrebbe assai peggiorare. Ma la Banca Centrale Europea così come le le sue omologhe in giro per il mondo non vuole abbassare i tassi per paura della reazione delle borse. Questo è il grande spauracchio delle banche centrali di tutto il pianeta. I valori in borsa sono cresciuti troppo. Sono stati gonfiati dai continui aiuti e intervenire oggi sui tassi significherebbe assistere probabilmente ad una violenta correzione o forse ad un crollo. Eppure nonostante la fiammata dell’inflazione è assai probabile che la banca centrale continui a minimizzare e a non fare nulla. Questo a lungo termine è assai pericoloso. Quotidiano energia, fonte autorevole del settore sottolinea rincari a catena. Aumenta soprattutto il gpl.

Leggi anche: Pandora Papers: l’inchiesta che fa tremare 29.000 ricchi evasori grazie ai paradisi fiscali

Al di là delle fonti che monitorano i prezzi attualmente in corso ancora più preoccupante La prospettiva macro sui mercati internazionali.

Leggi anche: Hai mai pensato quanto è fondamentale la logistica nell’e-commerce: ecco come investirci con un etf.

Infatti tutte le materie prime sono in rialzo e tutti i dati relativi all’inflazione la vedono come un fenomeno il lungo corso punto di conseguenza i rincari continueranno a susseguirsi e l’inattività della banca centrale che in definitiva è l’unica che ha veramente potere Per intervenire su ciò risulta piuttosto grave.

Impostazioni privacy