Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Striscia la Notizia tira una sberla ai NFT e il mondo blockchain italiano si arrabbia.

Foto dell'autore

Salvatore Dimaggio

Quando il mondo della comunicazione generalista e il mondo della blockchain si incontrano, di rado finisce bene.

Striscia la Notizia già ad aprile aveva parlato del fenomeno blockchain facendo arrabbiare tutta la comunità italiana legata a questa tecnologia. Adesso torna a parlare di non fungible token e l’esito è più o meno simile. Striscia la Notizia popolarissima trasmissione delle reti Mediaset, ha parlato in un suo servizio dei non fungible token. In effetti in questo servizio venivano messi in luce tutti i lati negativi di questa tecnologia. Soprattutto si sottolineava come essa fosse perfetta per i riciclatori di denaro sporco. Di conseguenza chi avesse guardato quella trasmissione avrebbe visto nei non fungible token poco più che uno strumento per delinquere. Sui siti specializzati e sui forum italiani dedicati ai non fungible token è immediatamente scoppiato lo sdegno. Sui forum si sottolinea come la trasmissione di Canale 5 abbia peccato di pressapochismo.

Un pubblico davvero generalista

Parlando soltanto di ciò che di negativo si può fare con questa tecnologia e senza in alcun modo spiegarne anche i lati positivi. In effetti la trasmissione è stata a senso unico e gli appassionati di non fungible token italiani hanno ragione dire che poco spazio (o forse nulla) è stato dato ai lati interessanti e stimolanti di questa tecnologia. Di conseguenza si capisce lo sdegno. Anche perché il mondo della blockchain ha tanti fan spesso molto agguerriti. Tuttavia bisogna capire come Striscia la Notizia parli ad un pubblico assolutamente generalista. Di conseguenza probabilmente è giusto sottolineare i rischi visto che troppo spesso superficialmente si sono sottolineati soltanto i favolosi incrementi di prezzo di non fungible token e criptovalute.

Leggi anche: La Cina è commercialmente ferita ma non arretra e invia 38 jet nucleari per intimorire gli USA

Certo denigrare qualcosa è sbagliato ma sicuramente non è male offrire un contrappeso ad una realtà spesso sbrigativamente dipinta come una sorta di pietra filosofale in grado di trasformare tutto in oro.

Leggi anche: Se vuoi essere una bio influencer devi essere coerente e i guadagni sono in crescita

D’altra parte tante banche centrali hanno messo in guardia contro l’eccessiva superficialità con cui troppi si avvicinano a questo mondo.

Impostazioni privacy