Doppio Bonus TV: risparmio importante, ma utile fare chiarezza

Gli italiani per quanto riguarda la televisione possono usufruire di un bonus TV molto interessante ed è utile vederci chiaro.

Innanzitutto bisogna sottolineare che i bonus in realtà sono addirittura due e la buona notizia è che sono anche cumulabili. Il primo di questi bonus serve all’acquisto di tv e decoder. Per avere questo bonus è necessario avere un ISEE al di sotto dei €20000. Ma non basta. Il secondo bonus invece si ha rottamando un vecchio televisore di quelli più datati e che quindi non potrebbero ricevere il nuovo digitale terrestre. Ma non ha limitazioni ISEE. Come dicevamo i due bonus sono cumulabili e pertanto lo sconto che è possibile avere può arrivare a €130. Considerando che ultimamente i televisori sono scesi di prezzo e che le grandi catene praticano sconti importanti, ecco che questa cifra può essere particolarmente interessante. Questi bonus sono importanti perché dal 20 ottobre è cominciata la transizione verso il nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre.

Doppio vantaggio

Sarà direttamente il negoziante ad applicare lo sconto di €30 relativo alle famiglie con ISEE inferiore a €20000. Perché il negoziante possa applicarlo è necessario un documento d’identità ed il codice fiscale. Più corposo è il bonus per la rottamazione della vecchia TV perché può arrivare a €100. Si tratta di uno sconto del 20% sul nuovo televisore. Ma, appunto, questo 20% si scontra contro il tetto massimo dei €100. Come precisato prima, per avere questo sconto si deve rottamare un televisore acquistato in data antecedente al 22 dicembre 2018. Ci sono vari modi per rottamare il vecchio televisore, ma il modo più semplice è portarlo direttamente al negozio a cui si sta effettuando l’acquisto.

Leggi anche: Bonus prima casa under 36: modifica che espande l’applicabilità ISEE

Ovviamente c’è anche la possibilità di rottamarlo presso un’isola ecologica. Questo doppio bonus rende più semplice per gli italiani adeguarsi ai nuovi standard di trasmissione.

Leggi anche: C’è confusione sui bonus e tanti italiani li sprecano. Facciamo chiarezza.

Al momento della rottamazione si può presentare autocertificazione.