Il social network di Trump divide la rete ed è già accusato di plagio

Donald Trump ha annunciato la nascita del suo social network, si chiamerà Truth cioè verità.

Ma questa notizia ha creato una forte polarizzazione su internet. Se la maggior parte degli utenti non vedono di buon occhio un social network che veicoli le idee e le fake news di Trump, per altri invece il pluralismo è sacro. Da tempo l’industria dei social network è nelle mani di pochi che fanno il bello e il cattivo tempo ed hanno avuto anche il potere di bannare Trump dal mondo dei social. Si può sostenere che Trump se la sia cercata, ma in molti ritengono che la libertà di espressione vada comunque sia tutelata. Questa diatriba sta dividendo internet. Ma d’altra parte Trump è sempre stato un personaggio in grado di spaccare in due l’opinione pubblica.

Business e politica

Questo suo nuovo social network nasce proprio in un momento in cui Facebook è messo duramente alla berlina a causa di notevoli scandali. Dunque forse un po’ di spazio per il nuovo soggetto social ci sarà. Ma intanto già fioccano le prime polemiche perché a quanto pare il codice di questo social sarebbe stato copiato da quello di un altro social. Insomma Trump non riesce proprio a non creare polarizzazioni e divisioni. Ma per i suoi supporter più sfegatati questo è qualcosa di positivo perché almeno avranno un luogo dove esprimere le proprie opinioni in libertà. Il problema per Trump sarà poi quello di capire quanta libertà vuole concedere ai suoi supporter e quando invece anche lui sarà costretto a bannare chi esagera.

Leggi anche: In Cina tornano i focolai Covid e viene rinviata la maratona di Wuhan

Perchè se è vero che con questo nuovo social darà voce ai suoi supporter e li cementerà attorno ad una sua eventuale futura candidatura è anche vero che pure lui dovrà pur porre limiti.

Leggi anche: Fuggite dai Bitcoin! L’autorità UK costretta ad usare Youtube e TikTok

Insomma per Trump un business ma anche una rampa di lancio elettorale.