Maserati rinuncia a presentare il suo nuovo Suv. La crisi dei chip è più grave del previsto

In un mondo tecnologico come il nostro la crisi dei chip non è una notizia come un’altra.

Se colossi come Intel ed IBM dicono che ci vorranno anni prima di tornare alla normalità questo non è qualcosa da sottovalutare. Il nostro mondo ha fame di chip: servono in ogni tipo di industria. Se fino a qualche anno fa i chip servivano soltanto all’industria ancora in via di sviluppo dell’informatica, oggi quell’industria è tremendamente grande ed i chip servono ovunque. I chip rappresentano quella specie di materia prima universale di cui tutte le aziende hanno bisogno. La gravità della crisi dei chip connessa alla più generale crisi delle materie prime e della supply chain è stata a lungo sottovalutata.

Senza precedenti

Fino ad oggi si è parlato di tagli alla produzione delle auto, ma oggi arriva una notizia che ha suscitato stupore e sconcerto tra gli stessi addetti ai lavori dell’Automotive. Maserati rinuncia a far debuttare Grecale, il suo nuovo Suv. Avrebbe dovuto farlo debuttare il prossimo mese, ma ha cancellato l’evento. Probabilmente debutterà in primavera ma ormai questa non si può considerare una certezza. Non si era mai visto che una compagnia di automobili fosse impossibilitata a far debuttare un nuovo modello di auto per carenza di componenti. È proprio la crisi dei chip e in generale della supply chain che il mondo si accorge di non comprendere bene. I colli di bottiglia al complessissimo meccanismo dell’approvvigionamento delle merci e dei semilavorati stanno diventando un puzzle ormai troppo difficile da risolvere. E questo nel mondo dei chip si sente al massimo grado.

Leggi anche: 40 miliardi: ecco il vero costo del caro energia sul Paese. E la ripresa va in fumo

Al di là del danno che questo infligge a Maserati e al di là dei numeri sempre più pesanti a carico del mercato Automotive, questo deve spingere a riflettere su come l’ipercomplessità dell’attuale modello di produzione industriale non sia assolutamente in grado di resistere a questo genere di crisi.

Leggi anche: Adesso puoi usare le crypto per fare la spesa: sbarcano su MasterCard

Importante, non solo per l’automotive monitorare l’evoluzione di questa crisi.