Ecco tutte le novità sul Bonus librerie: termini più comodi

Il bonus librerie è certamente un bonus atipico ma molto importante.

Più che rientrare nell’alveo dei bonus nati nell’ambito del covid, va collocato in uno sforzo di promozione culturale da parte dello Stato. Di conseguenza questo bonus mira a promuovere un particolare comparto economico che è quello delle librerie. Ed infatti sono proprio le librerie a poterlo richiedere. Una novità positiva è che i termini per fare domanda sono stati resi più comodi, di conseguenza i librai avranno più tempo per chiedere questo bonus che si concretizza in un rimborso fiscale. Si tratta di un’opportunità veramente utile per un settore, quello delle librerie davvero strategico per la crescita culturale del Paese, ma che attraversa anche una notevole crisi.

Un contrasto all’inflazione

Dunque vediamo meglio in cosa consiste e come si struttura questo slittamento dei termini per presentare la domanda al fine di beneficiarne. Adesso la domanda può essere posta sino alle ore 12 del 10 novembre. In concreto può essere richiesto dai codici ATECO 47.61 o 47.79.1. Sono tante le voci alle quali è applicabile e per ciascuna c’è un massimale. Tante le voci sulle quali è applicabile: imposta municipale unica, tributo per i servizi indivisibili, tassa sui rifiuti, imposta sulla pubblicità, tassa per l’occupazione di suolo pubblico, ma anche spese di locazione o mutuo e spese previdenziali. Ovviamente il credito d’imposta si riferisce a quanto dovuto negli anni precedenti e per ognuna di queste voci c’è un massimale. Questo bonus nasceva con l’intento di colmare la bassa abitudine media alla lettura degli italiani.

Leggi anche: Il bonus mobili viene prorogato, ma cambia molto. Vediamo come

Infatti è noto che il consumo di libri in Italia sia tra i più bassi d’Europa.

Leggi anche: Tapering e nuovo covid Cina potrebbero uccidere le borse

Ma con l’arrivo dell’inflazione assume un senso tutto nuovo, perchè può essere utile ad offrire un contrasto a questa mannaia che sta calando sui consumi.