Ipotesi lockdown solo ai non vaccinati. Codacons sul piede di guerra

Il covid sta tornando in tutta Europa.

Se l’Italia tutto sommato riesce a mantenere i numeri sotto controllo, in tanti altri paesi dell’Unione Europea, c’è il rischio concreto che i sistemi sanitari possano non reggere l’urto della nuova ondata. Nel mirino sono finiti i no vax. I numeri parlano chiaro: il cuore di questa nuova ondata sono proprio i non vaccinati. Per questo l’Unione Europea comincia a stringere su chi si rifiuta di vaccinarsi. Ci sono paesi che propongono chiusure limitate ai non vaccinati. Ci sono altri paesi che propongono di non pagare le cure ai non vaccinati che si ammalano. Insomma, la tensione è alta. Se si dovessero tornare a manifestare numeri tali da imporre la chiusura questo gelerebbe la ripresa nascente.

Ipotesi estreme

Infatti la ripresa in Europa c’è ed è consistente, ma nuovi lockdown la metterebbero chiaramente a rischio. Le strategie di conseguenza sono due: accelerare sulle vaccinazioni e cercare di isolare i no vax. Due cose non semplici. Anche perché l’Europa si trova a dover fronteggiare la crisi della catena degli approvvigionamenti, ma anche le fiammate dell’inflazione e non vuole assolutamente essere costretta a lockdown e ad una nuova politica di bonus che risulterebbe davvero troppo costosa. Caso emblematico quello dell’Austria. Il governo austriaco a muso duro ha annunciato un lockdown esclusivamente per i non vaccinati. Ne è nata un’aspra polemica ma ciò ha avuto come effetto anche una corsa alla vaccinazione che non si era mai vista nel paese.

Leggi anche: La supply chain trema per il Covid e i numeri schizzano in alto

Ne è nato un dibattito anche in Italia, ma quasi tutti si dicono contrari ed il Codacons dice chiaramente che agirebbe subito per vie legali se si seguisse questa via che non esita a definire “folle”.

Leggi anche: Allarme Covid: la Cina dice di fare provviste di viveri

In Austria questa strategia ha funzionato, ma da noi suscita davvero troppi interrogativi.