Il ritorno della lotteria degli scontrini: stavolta ci sono le vincite immediate

La lotteria degli scontrini è stata un progetto fortemente voluto dal governo Conte.

Il governo Conte sperava con questo progetto di fare la lotta al contante in un modo che i cittadini potessero percepire come piacevole ed anche divertente. Come sappiamo la lotta al denaro contante è fondamentale per il governo perché con i metodi tracciabili diventa più difficile l’evasione fiscale. Quindi la lotteria degli scontrini sembrava un modo per unire l’utile al dilettevole. Purtroppo però i numeri ci dicono che è stata un vero fiasco. Spulciando i numeri del governo si evince come la grande distribuzione si sia sostanzialmente adattata a questa novità, ma i piccoli commercianti no. Per i piccoli commercianti evidentemente la lotteria degli scontrini è stata percepita come un fastidio ed un problema inutile e di fatto ben pochi vi hanno aderito.

Vincite immediate

Ma il governo non demorde. E’ allo studio un rinnovo della lotteria degli scontrini che però deve essere radicalmente cambiata. Innanzitutto deve essere più facile in modo tale da incentivare gli esercenti ad utilizzarla. Infatti se gli esercenti percepiscono la lotteria degli scontrini semplicemente come un fastidio, è evidente che il meccanismo si inceppa nuovamente. In seconda battuta il meccanismo deve essere reso anche più semplice da utilizzare per l’utente ma anche più accattivante. In questo senso si sta pensando alle vincite immediate. Con il sistema delle vincite immediate, sicuramente si incentiva l’utente a giocare perché è più attraente l’idea di poter vincere subito magari anche una piccola cifra. Dunque le vincite immediate possono essere quell’elemento in più che rende questo strumento attraente. Secondo il governo questa potrebbe essere una buona via, ma al momento se ne sta discutendo.

Leggi anche: Bonus bolletta (luce, gas, acqua): chi può richiederlo e come fare

Tuttavia se anche con questo restyling la lotteria degli scontrini dovesse dimostrarsi un fiasco, il governo probabilmente la abbandonerà.

Leggi anche: Edilizia nel caos: rincari assurdi e paura di controlli sul bonus casa

Però prima di abbandonarla si sta battendo questa via decisamente più attraente.