Le criptovalute vanno nella dichiarazione dei redditi e non è che l’inizio

Le criptovalute sono uno strumento finanziario di cui ultimamente tanti Italiani si stanno dotando.

Sicuramente l’approvazione di un etf su Bitcoin presso la borsa di New York ha reso molto più popolare questo particolarissimo investimento. Ma c’è da dire che sono tante le ragioni che spingono gli italiani ad orientarsi verso le criptovalute. Sempre più banche d’affari ne parlano bene e sempre più circuiti le utilizzano in pagamento. Certamente ci sono anche motivi di perplessità attorno alle crypto. Vanno segnalate ne quadro RW come monete virtuali. Il fatto che siano in un wallet con chiave privata, non cambia nulla.  Ma sicuramente uno dei dubbi più diffusi ormai è stato fugato. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito autorevolmente che anche le criptovalute vanno dichiarate in dichiarazione dei redditi. Dunque se fino a ieri questo investimento era troppo strano ed esotico per passare attraverso la griglia del fisco, oggi deve necessariamente rientrarvi. Ma dai regolatori di tutto il mondo arrivano richieste pressanti perché questo settore venga regolamentato.

Nuove regole internazionali

Infatti le criptovalute oggi valgono globalmente 3000 miliardi di euro, ma hanno una regolamentazione assai scarna e carente. Di conseguenza se oggi arriva l’inserimento nella dichiarazione dei redditi, domani certamente arriveranno altre norme che renderanno più chiaro questo tipo di investimento. Da un lato si vuole garantire maggiormente il consumatore che oggi non gode di alcun tipo di garanzia. Dall’altro si vogliono evitare le manipolazioni del mercato. Insomma sicuramente le criptovalute cominciano un periodo nel quale saranno sotto la lente dei regolatori. Ma i crolli dovuti alla quarta ondata stanno gettando una certa perplessità sul mondo delle criptovalute. Goldman Sachs e altre banche d’affari le hanno incoronate a strumento di rifugio.

Leggi anche: Troppa confusione sulle criptovalute: italiani curiosi, ma timorosi

Tuttavia durante i recenti crolli ben pochi si sono rifugiati nelle crypto.

Leggi anche: Allarme rosso sulle criptovalute: la Svezia chiede all’UE di bannarle

Negli articoli linkati in questa parte della pagina vi raccontiamo dubbi e perplessità su questo particolarissimo bene di rifugio.