Super Green Pass: occhio a multe e controlli rinforzati

 Il governo ha deciso di istituire il super Green pass e per gli italiani cambia tutto.

Intimorito della quarta ondata che rischia seriamente di mandare in lockdown tutta Europa, il Governo è corso ai ripari istituendo questo Green pass rafforzato. È stato il decreto del 24 novembre 2021 a far nascere questo nuovo documento. Effettivamente Olanda ed Austria sono già in lockdown e con la variante omicron secondo gli esperti c’è poco da scherzare. Il super Green pass o Green pass rafforzato non lo potranno avere coloro i quali usano i tamponi. Per avere il super Green pass si deve essere guariti dal Covid o si deve essere in regola con le vaccinazioni. Questo è stato al centro di aspre polemiche perché è un modo per discriminare i no vax. Ma per molti è un giusto strumento di tutela di fronte ad una situazione eccezionale.

Multe salate

Il governo sarà rigido nella applicazione del super green pass e dei controlli. In concreto i non vaccinati non potranno andare al ristorante e neppure al cinema o nei centri sportivi. Le multe per chi, pur non avendo il super Green pass accede alle aree che gli sono state precluse vanno dai €400 ai €1000. È importante ricordare che laddove viene richiesto il super Green pass non si potrà opporre l’esito negativo di un di un tampone anche recentissimo. Difatti quando viene richiesto il super green pass ciò presuppone appunto guarigione o vaccino. Ma la variante omicron spaventa davvero l’europa e potrebbe spingerla in lockdown che sarebbero tragici per l’economia. Le borse sono in sofferenza e molti temono che le chiusure possano trasformarsi nell’ennesimo dramma occupazionale.

Leggi anche: Borse da incubo: variante Omicron, inflazione e lockdown

Eppure per tanti la variante Omicron è una grande fonte di guadagno. C’è chi è indignato da questo: ne parliamo al seguente articolo:

Leggi anche: C’è chi guadagna (e tanto) con l’arrivo di Omicron. Vediamo come

Insomma, questa variante sta cambiando tanto in Europa.