Fuga da azionario e obbligazionario: vediamo dove andare

L’arrivo della variante Omicron ha cambiato le carte in tavola nelle borse mondiali.

Le borse continuavano serenamente la propria crescita sospinte dalle politiche fortemente accomodanti delle banche centrali e da una ripresa che sembrava solida anche se gravata da alcuni problemi. Tuttavia una serie di minacce progressivamente ha destabilizzato questa corsa. Prima ci ha pensato la crisi della suppy chain a rendere la vita difficile al comparto produttivo. Specialmente la crisi dei chip è stata una vera mannaia per il mercato automobilistico. Poi è arrivata l’inflazione a rendere difficoltosa la produzione ed il consumo ed infine è giunta anche la variante omicron. Il vero problema della variante Omicron è che ha fatto cambiare idea alla Federal Reserve.

Tutto è cambiato

La Banca Centrale Americana che prima si era detta sempre poco preoccupata dell’inflazione e quindi desiderosa di continuare a sostenere la crescita con politiche monetarie accomodanti, adesso sembra più un falco pronto piombare sull’inflazione. In parole povere l’azionario comincia a fare paura. Ma con la forte inflazione che sta alzando la testa ovunque, anche l’obbligazionario e i bond non sembrano particolarmente attraenti. Certo, alcuni si stanno dirigendo verso il bond indicizzati all’inflazione per proteggersi, perlomeno da questa. Ma in generale sui mercati c’è un atmosfera tesa. Si nota dal Vix particolarmente alto. Ma si nota anche dai mercati che appaiono privi di direzione.  All’articolo seguente vediamo come la Federal reserve si sia trasformata da Colomba a quasi falco e quali possono essere le gravi conseguenze per i mercati azionari.

Leggi anche: I mercati resistono al Covid, ma non alla mancanza di supporto Fed

Ma la fuga è verso i beni di rifugio. Infatti il pericolo che i lockdown e la politica meno amichevole della banche centrali possa far deprimere le borse è veramente alto. Al prossimo articolo vediamo dove stanno fuggendo i risparmiatori.

Leggi anche: C’è timore di crolli: meglio puntare sui beni di prima necessità con questi ETF

Ma l’oro sesta sempre il bene di rifugio per eccellenza e qui c’è un’idea interessante: Panico in borsa: rifugiamoci nei 4 metalli preziosi con un unico strumento

Insomma Omicron e la quarta ondata hanno cambiato il sentiment in borsa.