Whatsapp, pagamenti da un account all’altro: in cosa consiste la nuova idea di Zuckerberg

Facebook sta pensando di introdurre un’innovazione che potrebbe anche cambiare la storia della piattaforma. Per la prima volta infatti utilizzando gli stablecoin, verranno permessi i pagamenti da un account all’altro. Si tratta però di un esperimento attualmente in fase beta, e che sta venendo testato su un numero molto ristretto di persone. 

Facebook, ormai da alcune settimane diventato parte integrante della nuova società Meta fondata da Zuckerberg, si appresta adesso all’ennesima rivoluzione. La multinazionale ha infatti deciso di inserirsi anche nel mercato degli stablecoin. Per il momento si tratta però di un progetto sperimentale, che inizierà a permettere a un ristretto numero di persone, di poter utilizzare questa valuta per inviare pagamenti da un account all’altro di WhatsApp. Un’integrazione che si servirà di Novi, un wallet di proprietà di Facebook  che consente di avere a disposizione uno stablecoin che sarà però ancorato al valore del dollaro. Significativo inoltre che questo annuncio sia arrivato da parte del nuovo Ceo di Novi, Stephan Kasriel, dopo che il suo predecessore aveva annunciato le dimissioni un po di tempo fa adducendo motivi di carattere personale. 

Whatsapp, pagamenti in stablecoin tra gli utenti: le reazioni al primo test Beta

E le prime recensione da parte di chi è riuscita a partecipare a questo primo test di lancio sembrano positive. Gli utenti entrati in questo programma beta infatti, sostengono quanto si stia rivelando facile e fruibile per chiunque, con la possibilità immediata e intuitiva di poter utilizzare l’apposita nuova funzione Pagamenti per inviare token da un account all’altro. 

Leggi anche: Rottamazione ter e saldo e stralcio: in arrivo la proroga maxi in Manovra

Leggi anche: Bitcoin crollato ai minimi: vediamo se fuggire o comprare coi saldi

Si apprende inoltre che al momento Facebook non ha previsto alcun tipo di costi di commissione o di intermediazione da sostenere per coloro che decidono di utilizzare questo servizio.