Bancomat: apparecchio nascosto ti blocca la card dentro e te la prosciuga

Una truffa davvero tremenda quella che sta circolando presso alcuni bancomat italiani.

Tutto ruota attorno ad un aggeggio chiamato “lebanese loop”. Questo apparecchio viene inserito nel Bancomat e quando l’utente va per inserire la sua card ha una pessima sorpresa. Vediamo che succede. Questo dispositivo blocca la card all’interno del bancomat. L’utente che stava cercando di prelevare i suoi soldi ovviamente viene preso dal panico perché non riesce a fare più nulla e in più non riesce a riavere indietro neppure la carta. Qui scatta la truffa vera e propria. Si avvicina all’utente una donna facente parte della banda di criminali che apparentemente cerca di aiutarlo. Lo tranquillizza e gli fornisce un numero di telefono per l’assistenza. Ovviamente il malcapitato telefona immediatamente al numero, ma a rispondergli c’è una complice. Dopo mille raggiri riesce a farsi dare il Pin dell’utente. Glielo chiede apparentemente per identificarlo e per sbloccare il tutto.

Tutti d’accordo

Ma sfortunatamente tutta la procedura non va a buon fine e l’utente bancomat non può fare altro che andare via sconsolato. A questo punto i truffatori dispongono sia del PIN che della card. Una volta che l’utente si allontana la truffatrice sblocca finalmente la card e conoscendo anche il PIN che è stato rivelato alla sua complice telefonicamente può disporre della card in libertà. Ovviamente a tutto danno dell’utente che poi si vedrà il conto ampiamente depauperato. Le forze dell’ordine consigliano di controllare meticolosamente il bancomat prima di inserirci la tessera. Tastierino, fessura, ogni cosa va controllata accuratamente. Importante anche esaminare il dispositivo ATM per escludere la presenza di microcamere.

Leggi anche: Conto corrente e Bancomat: cosa fa scattare i controlli del fisco

Anche importante non fidarsi di sconosciuti che ci invitano a fare procedure di qualsiasi genere.

Leggi anche: Bancomat: non immagini a chi vanno i soldi delle commissioni e arriva la stangata

Lo racconta il sito L’Arena che riporta anche le raccomandazione delle forze dell’ordine per evitare brutte sorprese