Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Bonus casa: caos e paura ed ora tutti chiedono l’interpello alle Entrate

Foto dell'autore

Salvatore Dimaggio

I Bonus Casa sono stati stravolti dal decreto antifrodi. Troppi italiani ormai hanno paura di sbagliare e così sta prendendo piede una pratica che moltiplica i controlli.

I Bonus edilizi sono stati certamente uno strumento straordinario per far ripartire il Paese. Ma i troppi furbetti che ne hanno approfittato hanno spinto il Governo a porre un rimedio. Sicuramente sono aumentati i controlli, ma per sicurezza il Governo ha anche varato il famoso Decreto antifrodi. All’inizio è stato accolto positivamente. Ma pian piano è emerso come esso fosse una vera miniera di problemi per i cantieri. Vediamo perchè. Non solo introduce il visto di conformità e l’asseverazione delle spese che già rappresentano un’incombenza notevole specie per i bonus più piccoli. Ma come vedremo crea una vera e propria giungla di controlli. Lo mette in luce il Sole 24 Ore che sottolinea come a carico di chi richieda i bonus ci sia ora una burocrazia abnorme e controlli, in certi casi raddoppiati.

Un caos di controlli

Anche se vi è un riscontro positivo rispetto a questi documenti vi sono ulteriori gradi di controllo per verificare se cessione del credito e sconto in fattura siano effettivamente accettabili. Un primo controllo lo operano gli intermediari finanziari, un secondo grado di controllo arriva dall’agenzia delle entrate. Ma la situazione è così fumosa e anche rischiosa per il contribuente che il Sole sottolinea come ormai si è diffusa l’abitudine di chiedere l’interpello alla stessa Agenzia delle Entrate per essere sicuri che sia tutto a posto e che poi non si abbiano sorprese. La conseguenza paradossale e che per dare la risposta all’interpello, l’agenzia delle Entrate finisce per chieder ancora nuovi documenti… insomma un vero e proprio caos che rende lunghi e costosi, iter che dovrebbero essere piuttosto lineari.

Leggi anche: Superbonus: salta se utenze non in regola. Ag. Entrate gela i cittadini

Sicuramente il governo con il Decreto antifrodi voleva fare qualcosa di positivo, ma è stato un boomerang.

Leggi anche: Bonus facciate 90% 2022: basta iniziare entro 31 dicembre. La scappatoia

Non sorprende che dal mondo dell’edilizia sorgano numerose critiche.

Impostazioni privacy