Arriva il grande blackout e l’Italia torna al carbone. Bolletta fuori controllo

Purtroppo la situazione energetica italiana, ma anche Europea è davvero grave.

Siamo completamente dipendenti dall’estero per quanto riguarda l’energia e non abbiamo riserve. Purtroppo l’Europa è gravemente impreparata sul fronte del cosiddetto energy crunch, non avendo riserve proprie ed avendo fonti autonome esigue. La cosiddetta transizione green è stata un fiasco perché lasciata sostanzialmente incompiuta proprio nel momento in cui l’energia arriva a costare di più. Alla fin fine è una questione di costi. Il gas è quintuplicato in soli 12 mesi e la rincorsa del petrolio è nota a tutti. Di conseguenza la bolletta energetica per i paesi europei sale vertiginosamente e anche l’Italia non sa come fare. Per le famiglie italiane arriva una stangata da €800, ma probabilmente saranno anche di più.

Il rischio è forte

Tutto ciò si inserisce in un quadro inflazionistico veramente preoccupante. Tante imprese dicono chiaramente che con questi costi dell’energia non ce la fanno a produrre ed il rischio di un rallentamento della produzione è forte. Ma gli esperti di materie prime dicono in modo estremamente chiaro che l’Europa rischia di rimanere in blackout quest’inverno. I costi esorbitanti dell’energia e la difficoltà ad approvvigionarsi fanno sì che il rischio di un grande blackout europeo dai contorni davvero inquietanti quest’inverno sia particolarmente concreto. Specie se l’inverno sarà freddo. E in Italia si fa esattamente quello che già Cina ed India hanno fatto qualche tempo fa tra mille critiche: si torna al carbone. Si riattivano gli stabilimenti di La Spezia e Monfalcone e tanti saluti alla transizione green.

Leggi anche: Superbonus 110%: proroga ed eliminazione ISEE. Siamo a buon punto

Ma il rischio di rimanere al buio è veramente forte e la Banca Centrale Europea qualche giorno fa ha continuato a negare l’inflazione e ha tenuto i tassi a zero.

Leggi anche: Rendite INAIL: subiscono un bell’aumento ed arriva anche il bonus

Di conseguenza non ha fatto nulla: non ha usato i suoi grandi poteri per abbassare il costo dell’energia.