Taglio contributi 2022: adesso è chiaro chi viene escluso

L’esonero contributivo straordinario per il 2022 rappresenta un concreto aiuto per tanti lavoratori dipendenti.

La ripresa economica è stata messa a dura prova da covid-19 e inflazione, così il governo ha mantenuto la promessa di abbassare un po’ la pressione fiscale. Uno degli strumenti adottati dal governo per ridurre la pressione del fisco è stato il famoso taglio dell’irpef. Ma oltre all’intervento sull’irpef è arrivato anche un intervento mirato ai dipendenti: la cosiddetta decontribuzione. In sostanza si tratta di un intervento che va a beneficio dei dipendenti, ma progressivamente vengono precisate le cornici entro cui opera la decontribuzione. Con la decontribuzione detta anche esonero contributivo, il governo va a trasferire una parte del denaro che il datore di lavoro avrebbe dovuto versare all’INPS a fini contributivi, direttamente nelle tasche del dipendente.

Alcuni sono esclusi

Si tratta di un meccanismo molto particolare messo in campo dal governo per offrire un piccolo guadagno in busta paga al dipendente. È importante sottolineare che il lavoratore dipendente non perde nulla dal punto di vista contributivo. Ma in compenso ha un guadagno dal punto di vista della busta paga durante il 2022. Questa è una misura straordinaria, infatti verrà soltanto per l’anno che sta per arrivare. Si tratta di una sorta di sconto che vale prescisamente lo 0,8%. Ma c’è una condizione e cioè che la retribuzione imponibile sia entro i 2.692 euro. Come detto, ora diviene più chiaro chi è ammesso alla decontribuzione e chi no. Ma veniamo al caso particolare delle colf e delle badanti. E’ emerso che colf e badanti purtroppo saranno escluse dall’esonero contributivo. Infatti chi presta un lavoro domestico non potrà beneficiare dell’esenzione dai contributi.

Leggi anche: Fisco: cartelle da Gennaio a Marzo 2022, chi festeggia la moratoria

Sicuramente questa scelta susciterà dei malumori nelle associazioni di categoria, perchè proprio durante il Covid è emerso come queste figure siano vitali.

Leggi anche: Bancomat e conto corrente: a Natale il fisco li controlla così. Nuove soglie

Escluderle appare poco comprensibile. Ma ad oggi le cose stanno così.