Allarme auto usate: troppi rischi nell’acquisto e il bonus fa flop

Il mondo delle auto usate, che storicamente è sempre piaciuto molto agli italiani, ormai arranca in una crisi piuttosto pesante.

Da sempre gli italiani quando dovevano cambiare auto avevano una grande simpatia per il mercato dell’usato. Infatti il mercato dell’usato è stato sempre piuttosto vivace le nostro paese perché consente di risparmiare un bel po’ di soldi. Ma con l’arrivo del covid l’usato è diventato un vero problema. Le auto usate sono diventate troppo costose. Probabilmente ciò è dovuto al crollo delle immatricolazioni delle auto nuove che si è riverberato anche sul mondo dell’usato. Ma non basta. Tutta una serie di fattori a contorno hanno reso l’acquisto dell’auto usata più sconveniente. I prezzi delle usate salgono e la domanda scende. La cosa paradossale è che il bonus messo in campo dal governo proprio per sostenere le auto usate è stato un autentico fiasco. Il budget che il governo aveva stanziato era di 45 milioni di euro, ma Quattroruote sottolinea come ne siano avanzati ben 33. Insomma un mercato così agonizzante che persino i bonus rimangono inutilizzati. E’ come se gli italiani, solitamente voraci di bonus avessero risposto con un sonoro: “no, grazie”.

Troppi rischi: vediamo come difenderci

Ma non bisogna dimenticare che quando si acquista un’auto usata tante sono le incognite. Infatti bisogna verificare se il bollo sia stato regolarmente pagato. Ma oltre alla questione del bollo tanti altri possono essere i pesi che gravano sull’auto usata. Ci potrebbero essere fermi amministrativi o magari problemi di altro genere. Insomma le visure da fare per verificare che non si stia comprando un auto problematica non sono poche. Ed in questo periodo gli italiani preferiscono farne volentieri a meno.

Leggi anche: Bollo auto 2022: calendario pagamenti e le 3 categorie esentate

Ma si tratta di un mercato senza futuro?

Leggi anche: Ecobonus per moto e scooter: €4.000 dal 13 gennaio. Due fasce di risparmio

Secondo gli esperti, perchè si riprenda, c’è bisogno di una generale ripresa del mercato auto.