Buoni fruttiferi postali: i più convenienti di gennaio e le alternative più ricche

Con la forte inflazione che sta stangando le famiglie i Buoni fruttiferi postali sono tornati di gran moda.

Infatti è davvero fondamentale per le famiglie trovare il modo di proteggere i risparmi da un’erosione che si annuncia assai pesante. Tutto aumenta di prezzo e questo significa che il valore intrinseco della moneta diminuisce. Ecco allora che il buono fruttifero postale torna a diventare protagonista. Il motivo è assai semplice: il denaro investito nei buoni fruttiferi postali è garantito dallo Stato e di conseguenza l’utente si sente molto più sereno. Ma i buoni fruttiferi postali sono veramente tanti. Vediamo di capire quali sono quelli attualmente più convenienti. Sicuramente particolarmente amato dagli utenti è il famoso 4 x 4. Dura 16 anni ma i soldi possono essere ritirati in qualsiasi momento. Più l’utente terrà il danaro in questo buono fruttifero e più gli interessi progressivamente aumenteranno. Tuttavia per poter percepire gli interessi bisogna attendere almeno un quadriennio. Infatti è soltanto alla fine di ogni quadriennio che gli interessi saranno corrisposti. Ma Poste Italiane anche un altro strumento molto interessante che si chiama Supersmart 360.

I più convenienti e le alternative più valide.

 Questo prodotto consente di avere lo 0,4% di interesse ed è riservato a tutti coloro i quali siano titolari del libretto Smart. Ma se queste sono le proposte più interessanti di Poste Italiane, sono tanti i risparmiatori che si stanno orientando a situazioni differenti. Infatti i bond indicizzati all’inflazione sono strumenti emessi da tutti gli stati del mondo e che consentono di avere un interesse proporzionale all’inflazione. Dunque se l’inflazione in questo 2022 dovesse essere dovesse tornare bassa si guadagnerà poco, ma se dovesse avere una netta impennata ecco che anche gli interessi aumenterebbero di conseguenza.

Leggi anche: Allarme inflazione: come difendersi dai nuovi trucchi del supermercato

Parliamo sempre di strumenti emessi comunque sia dallo Stato.

Leggi anche: Debiti degli italiani: uno scudo da 44 miliardi, ma potrebbe non reggere

Dunque oggi gli italiani devono tornare a confrontarsi con un nemico che era da tempo scomparso e cambiare mentalità è fondamentale.