Cessione del credito: ultimi giorni per usarla. Guida per non sprecarla

Come sappiamo il Governo ha fatto cadere una vera e propria scure sulla cessione del credito.

Con il decreto sostegni ter la cessione del credito viene limitata ad una sola volta. Dunque un limite pesante che sta gettando nel caos il mondo dell’edilizia. Per le imprese edili si paventa il serio rischio di una pesante diminuzione dei lavori. Molti sostengono che questa misura costituirà un vero e proprio macigno sul ricco comparto dei bonus. Ovviamente la questione è capire come sfruttare la cessione del credito prima che sia troppo tardi. Il cosiddetto trasferimento a catena dei crediti di imposta è malvisto dal governo che lo vuole bloccare. Ci sono ben poche possibilità che l’esecutivo ci ripensi e quindi questo limite molto probabilmente scatterà. Dunque una sola cessione sarà possibile e poi basta: nessuna catena sarà più ammessa, vediamo però quando scatta questa sorta di tagliola.

Termini e ciò che si rischia

La data stabilita per questo nuovo limite è il 7 febbraio 2022. Questo significa che a partire da quella data vige la regola del dell’unica cessione del credito. Ma prima del 7 febbraio 2022 i crediti sono liberamente cedibili. Dunque sino al 7 febbraio la cessione del credito non incontra alcun limite. Per fare un esempio pratico il credito di imposta può essere ceduto ad intermediari finanziari o anche a banche. Passato il 7 febbraio 2022 chi ha già usufruito di cessione del credito avrà soltanto un’altra cessione a disposizione. Dopodiché basta. Ma ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate può comunque sia bloccare la cessione del credito fino a 30 giorni. Questo può avvenire se la cessione del credito appare sospetta. Dunque se l’Agenzia delle Entrate sospetta che questa cessione sia strumentale a qualche attività in qualche modo illecita.

Leggi anche:Tari: cambia tutto su rateizzazione e rimborsi. La strana novità sul bonus

Dunque entro il 7 febbraio c’è libertà, ma la fretta non deve portare a sbagliare ed apparire truffaldini agli occhi del fisco.

Leggi anche:Superbonus 2022 è una calamita per il Fisco. Controlli su conti e auto

Sicuramente per i bonus cambierà tanto.