Superbonus: che succede, solo mezza cessione del credito per alcuni

L’Agenzia delle Entrate fa un chiarimento piuttosto sorprendente in merito alla discussa questione della cessione del credito.

Ultimamente non si parla altro che di cessione del credito perché con la stretta voluta dal governo le associazioni di categoria sono veramente su tutte le furie. Il mondo del bonus rischia di bloccarsi con questo limite ad una sola cessione del credito e Ance ed altre associazioni simili lamentano rischi presenti per i cantieri aperti che rischiano seriamente di bloccarsi con aggravio di cause e confusione. Ma in tutto ciò l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 56 del 31 gennaio 2022 opera un chiarimento importante e anche un po’ sorprendente. Il contribuente chiedeva cosa succede per quelle spese sostenute a cavallo del passaggio tra il 2021 e il 2022. Parliamo sempre di superbonus 110% e giustamente il contribuente voleva capire cosa succede alle spese sostenute a cavallo del passaggio di anno. La questione riguarda il discusso superbonus per villette ed unifamiliari. Come è noto è fondamentale che si sia raggiunto il 30% di avanzamento lavori per la cessione. Ma che succede per le spese che si sono sostenute a cavallo dell’anno?

Cessione del credito a metà

L’Agenzia delle Entrate offre una risposta che sicuramente farà discutere. Nel caso in cui lo stato di avanzamento lavori sia del 30% ma raggiunto nel 2022, per quanto concerne tutti quegli acconti che erano già stati pagati nell’arco del 2021 questi potranno essere portati unicamente in detrazione e nulla altro. Il richiedente ha una abitazione unifamiliare. Nel 2021 ha già versato degli acconti ma riuscirà a raggiungere il 30% necessario per la cessione del credito solo nel 2022. L’Agenzia delle Entrate risponde picche. Non si possono cedere le quote relative al 2021 visto che non si è raggiunto lo stato di avanzamento lavori del 30%.

Leggi anche: Nuovo bonus affitto ti aiuta per 4 anni: la libertà, ma solo per alcuni

Un ulteriore chiarimento nel caos delle cessioni.

Leggi anche: Cessione del credito: buone notizie, come evitare il limite e guadagnarci

Ad ogni modo un chiarimento che resta fondamentale per le unifamiliari.