Cashback: che vantaggio, Poste lo triplica, meglio approfittarne finché c’è

Gli italiani vogliono un ritorno del Cashback di Stato ma per ora non se ne parla e allora Poste Italiane torna alla carica con il suo Cashback triplo.

L’iniziativa delle Poste ha avuto un grandissimo successo. Il Cashback di Poste Italiane ha in un certo senso preso il posto di quello voluto dal governo Conte. Fortemente voluto da Conte è stato molto amato da alcuni italiani, ma il governo Draghi ha deciso di non prolungarlo. Assai ingegnosa allora è stata l’idea di Poste Italiane che ha pensato di crearsi un Cashback tutto suo e gli utenti non hanno mancato di apprezzarlo. Il Cashback di Poste Italiane fino a poco tempo fa valeva €1 per ogni acquisto di almeno di €10 fatto con gli strumenti delle Poste. Dunque per chiunque pagava con Postepay c’era un bel Cashback di €1 per ogni transazione fino ad un tetto massimo giornaliero di €10. Questa era la situazione fino a pochi giorni fa.

Adesso vale triplo

Per usufruirne bisognava scaricare l’app Postepay legare la propria Postepay all’app e seguire la procedura guidata al fine di far registrare il pagamento effettuato con PostePay al sistema che poi avrebbe erogato €1 di Cashback. Quindi sicuramente un gradito guadagno per molti. Ma adesso arriva la notizia che sta sorprendendo gli utenti. Dal primo al 28 febbraio il Cashback delle Poste è stato addirittura triplicato. Quindi ogni transazione fatta con Postepay e pari almeno a €10 vale ben €3 di Cashback. Anche il tetto massimo erogabile al giorno sale perché da €10 si passa a €15. €3 di rimborso per almeno €10 di spesa è davvero tanto e sicuramente gli utenti di Poste Italiane, soprattutto di PostePay apprezzeranno tantissimo la novità. Il Cashback finirà il 31 marzo 2022.

Leggi anche: Bonus Renzi 2022: chi festeggia i 1.200€ e chi pensava di averlo ed è deluso

Potrebbero anche esserci proroghe e molti lo pensano, ma allo stato attuale non esistono confermi in questo senso.

Leggi anche: La compagnia di cani e gatti fa bene all’umore e dallo Stato arrivano €550

Per quello di Stato, invece, nulla da fare.