Bonus internet, 2.500 euro di contributi: entro quando fare domanda

Nuovo aggiornamento per il bonus internet: è iniziata infatti la fase 2 che prevede un contributo fino a 2.500 euro per le aziende. Vediamo nel dettaglio cosa cambia, a chi è destinato e come presentare domanda. 

È ufficialmente iniziata la fase due del bonus internet, dopo una prima parte in cui il governo aveva supportato economicamente i cittadini con dei voucher destinati a pc e abbonamenti internet. Adesso invece il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via a un contributo pari a 2.500 euro destinato alle imprese che intendono stipulare dei contratti internet di banda ultralarga. Potranno presentare richiesta per accedere a questa agevolazione economica, tutte le aziende iscritte nel Registro Elettronico degli Indirizzi a quali verrà riconosciuto, laddove soddisfano i requisiti richiesti, un contributo che può variare tra 300 e 2.500 euro a seconda dell’abbonamento sottoscritto. Si tratta di una misura che l’esecutivo ha deciso di finanziare stanziando risorse pari a 609 milioni di euro e che secondo i calcoli dei tecnici, coinvolgeranno oltre un milioni di aziende. 

Bonus internet, 2.550 euro di contributo: a chi presentare domanda

Adesso chiunque sia interessato a presentare richiesta, avrà ventiquattro mesi di tempo per poter presentare domanda a Infratel Italia, che si occuperà di valutare i requisiti e in seguito di erogare il bonus in caso di esito positivo. È importante precisare che questo contributo sarà riconosciuto esclusivamente fino ad esaurimento risorse. È stato poi specificato dalle note ministeriali che nel caso in cui l’azienda desiderasse sottoscrivere l’abbonamento con un’operazione di portabilità, sarà possibile trasferire l’importo residuo della cifra prevista dal bonus. 

Leggi anche: Caro bollette: sgonfiale cambiando l’uso di questi 3 elettrodomestici

Leggi anche: Conto corrente, aumenti folli: ecco le banche più care e quelle economiche

Se però il richiedente cambia operatore a parità di servizio ricevuto, ma anche solo nel caso in cui effettuasse un passaggio di intestazione del contratto nello stesso luogo, l’agevolazione economica non sarà più riconosciuta.