Assegno unico: che giorno troverai i soldi sul conto e scadenza giugno

L’assegno unico è stata la grande novità introdotta dal governo Draghi in questo 2022.

Una misura forte a sostegno di tutti i nuclei familiari che debbono far fronte alle tante spese necessarie per i figli.

Mai come oggi infatti le famiglie italiane sono in difficoltà per far quadrare il bilancio, anche perché le voci di spesa per i bambini sono innumerevoli. Ma che si tratti di bambini o di ragazzi più grandi in questa ondata di fortissimi rincari per le famiglie trovarsi in affanno è purtroppo molto semplice. L’assegno unico universale per questo diventa davvero una boccata d’ossigeno perché consente alle famiglie di avere un aiuto proporzionale al numero dei figli. Sì perché più sono i figli a carico del nucleo familiare è maggiore sarà l’assegno. Questo assegno è destinato a tutti i figli dal settimo mese della gestazione sino ai 21 anni di età.

Una boccata d’ossigeno necessaria

Dunque l’assegno unico non dimentica nemmeno le tante spese necessarie durante la gravidanza. Le famiglie comprensibilmente lo attendono con ansia per avere una boccata d’ossigeno in mezzo a tutti questi rincari. Anche perché la bolletta in questo 2022 è destinata ad aumentare nonostante gli aiuti del governo ed in questo articolo riportiamo le simulazioni di CGA per tutto il 2022 e purtroppo non c’è da stare allegri. Dunque vediamo quando le famiglie italiane potranno effettivamente percepire l’assegno unico universale. La maggior parte degli italiani che ne ha diritto, ha fatto domanda all’inizio dell’anno.

Quando arrivano i soldi e scadenza giugno

Per tutte queste famiglie che hanno chiesto l’assegno unico già all’inizio dell’anno, l’arrivo dei soldi spettanti dovrebbe avvenire nella seconda metà di marzo. Ma richiedere l’assegno unico è sempre possibile quindi anche chi per qualsiasi ragione non lo abbia fatto, può chiederlo anche adesso senza problemi. Ovviamente chi dovesse richiederlo adesso dovrà aspettare un po’ di più. Ad ogni modo è importante richiederlo entro giugno. Infatti se lo si chiede entro giugno si ha diritto anche agli arretrati di gennaio e febbraio ed è un peccato perderli.

Leggi anche: Bonus barriere architettoniche: svolta, 75% o 110% e sorpresa massimali

Leggi anche: Superbonus 110% prorogato: per chi vale e legame evento sismico

Quindi se è vero che nono ci sono termini per richiederlo, la scadenza di giugno è particolarmente importante. Ma come funziona concretamente l’accredito dell’assegno unico? Ci sono due modalità. Dunque i soldi verranno erogati direttamente sul conto corrente per tutti, ma con un’eccezione. Infatti chi beneficia del reddito di cittadinanza vedrà l’importo ricaricato direttamente sulla sua card.