Caro benzina: attenzione, i consigli degli esperti per risparmiare tanto

Sembra di essere tornati negli anni ’70 quando la benzina aumentava di giorno in giorno e fare il pieno alla propria auto diventava sempre più difficile per le famiglie italiane.

Siamo in un altro secolo ed in un altro millennio eppure dopo decenni nei quali l’inflazione era stata bassissima, questo terribile spettro è tornato ad abbattersi sulle finanze degli italiani.

La Cgia di Mestre non manca di sottolineare come l’impatto del caro bollette sia davvero tremendo sulle famiglie e i rincari della benzina non sono da meno. La benzina ormai gravita attorno ai €2 al litro e per le famiglie riuscire a far muovere la propria auto diventa ogni giorno più complicato. Ma il problema ovviamente non è soltanto per le famiglie perché i costi esorbitanti della benzina hanno un impatto come si suol dire, sistemico. Infatti gli autotrasportatori da tempo ormai minacciano il blocco merci perché muovere i loro bestioni è diventato antieconomico.

La benzina che aumenta è un problema sistemico

Il pieno di un TIR ormai costa €1200 e già in varie regioni italiane come ad esempio Sicilia e Puglia i mezzi hanno cominciato a fermarsi. Ma come possono fare le famiglie a risparmiare sulla costosissima benzina? Ecco i consigli degli esperti per non farsi strangolare dai costi del carburante. Innanzitutto bisogna preferire le cosiddette pompe bianche o pompe no-logo. Si tratta di benzinai che non aderiscono ai grandi network petroliferi e perciò possono farci risparmiare qualche soldo. In secondo luogo è assai importante che pneumatici e in generale tutta la nostra auto sia ben revisionata.

Ecco come risparmiare tanto

Infatti un’auto che funziona male spreca tanto carburante e di conseguenza ci fa sprecare tanti soldi. Ma quando si può è meglio lasciare l’auto a casa ed utilizzare mezzi pubblici o monopattini elettrici oppure biciclette. Si stanno diffondendo in questo periodo davvero tanto le applicazioni di car sharing. Con queste applicazioni potremmo condividere il tragitto con altre persone che fanno un tragitto simile al nostro e di conseguenza suddividere le spese.

Leggi anche: Bonus matrimonio 2022: come lanciare il bouquet a spese dello Stato

Leggi anche: Bolletta: che salvezza, cuoci la pasta quasi senza gas con questo trucco

Questo può essere anche un buon momento per ripensare le nostre abitudini. Se siamo abituati a fare acquisti o frequentare luoghi lontani da casa è importante valutare se non ci siano delle alternative raggiungibili a piedi che ci consentano di arrivarci con una salutare passeggiata. Insomma con queste piccole e grandi strategie potremmo arrivare a risparmiare un bel po’ sui costi d’esercizio della nostra auto.