Contanti che si possono avere addosso ed in casa: nuovo limite, accertamenti e multe

Il Governo continua la sua lotta al denaro contante.

Il denaro contante è una vera e propria ossessione per il Governo Draghi perché giustamente è proprio contrastando il contante che si contrasta l’evasione fiscale.

ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Per i professionisti che vogliono evadere il fisco è così semplice chiedere di essere pagati in contanti e non emettere fattura. Nessuno saprà mai di quella transazione.

Nuovi limiti e sanzioni

Il contante è lo strumento preferito dagli evasori fiscali e dai riciclatori di denaro sporco. Infatti sono proprio queste due categorie quelle nel mirino del governo.

Pixabay

L’esecutivo può rendere la vita difficile a chi utilizza il denaro contante e di conseguenza sono tante le novità delle quali tenere conto. Innanzitutto per i pagamenti fatti in contanti il limite passa dai €2000 ai €1000. Ancora fino alla fine di quest’anno si potranno fare pagamenti in contanti fino a €2000 ma dall’inizio del prossimo anno il limite torna a €1000 e per chiunque superi queste soglie ci saranno salate multe.

Troppo denaro a casa o in tasca

Ma anche quando si fanno acquisti in negozio il commerciante non potrà mai più rifiutare carta o Bancomat. Infatti il commerciante che dovesse pretendere il pagamento in contanti andrà incontro ad una multa proporzionale all’importo pagato. Ma i controlli sono a tutti i livelli perché con la super anagrafe dei conti correnti per il Fisco è facile monitorare tutto quello che i cittadini fanno in banca, al bancomat e con la carta di credito. Qualsiasi movimento sospetto sarà attentamente monitorato. Ma bisogna anche stare attenti ai contanti che si hanno a casa e addosso. Infatti in caso di controlli chi sarà sorpreso con troppo denaro contante in tasca oppure con troppo denaro contante in casa rischierà delle multe veramente pesanti. Ma rischia anche accertamenti e controlli molto penetranti.

I limiti e gli accertamenti

Attualmente secondo la legge non c’è un limite chiaro per quanto riguarda i contanti che si possono avere a casa o addosso. I contanti non devono apparire troppi in relazione alla situazione economica del soggetto. Dunque durante una perquisizione personale o durante una perquisizione in casa, se la quantità di contanti trovata dagli agenti appare non in linea con quello che è effettivamente il tenore di vita e la situazione economica del soggetto, ecco che questo sarà un pesante campanello d’allarme per il fisco che potrà presumere che il cittadino in questione occulti dei proventi al fisco utilizzando proprio lo strumento del contante che possiede in quantità così sproporzionata.