Trappola contanti: governo aumenta soglia ma Finanza punisce chi li usa, allarme controlli

Anche se il governo meloni ha aumentato la soglia per l’utilizzo del contante, in realtà arriva una vera e propria stangata. Si tratta di una stangata a 360 gradi per quello che riguarda i prelievi in contanti e cerchiamo di capire che cosa cambia.

Infatti se da una parte il governo Meloni autorizza gli italiani dal 2023 a pagare in contanti fino a €5000 e ovviamente le polemiche sul fronte dell’evasione fiscale non sono mancate, dall’altra parte arrivano le stangate sul prelievo al bancomat. Infatti per quello che riguarda il bancomat cambia tutto. Infatti il governo Meloni non si discosta molto dal governo precedente per quanto riguarda l’utilizzo del contante e vuole limitarne l’utilizzo.

Controlli fiscali sui contanti
Controlli fiscali sui contanti (Fonte: ilovetrading.it)

Il fatto che si sia aumentata la soglia a €5000 non deve far pensare che sul contante non arrivino pesanti stangate. Da un lato i bancomat diventano sempre di meno. Infatti trovare un bancomat in Italia sta diventando sempre più difficile e progressivamente lo sarà sempre di più.

Bancomat sempre più scarsi, ma commissioni e controlli in aumento

Ma d’altra parte anche le commissioni sull’utilizzo del bancomat aumentano perché anche le banche non ne possono più delle ingenti spese degli sportelli automatici. D’altra parte ci sono anche le nuove misure per quello che riguarda il POS che diventano sempre più stringenti. In sostanza il fatto che il governo abbia aumentato la soglia del contante non deve far pensare che il governo voglia favorire l’utilizzo del contante, anzi proprio per chi utilizza molto il contante arrivano dei controlli fiscali veramente pesanti.

Prelievi bancomat controllati /ANSA

Infatti attraverso la super anagrafe dei conti correnti l’Agenzia delle entrate monitora con grande attenzione chi fa troppi prelievi al bancomat e in generale chi utilizza troppo il contante. Infatti l’Agenzia delle entrate ha proprio il compito di stangare quei cittadini che facciano un uso e abuso del contante perché comunque sia il contante è sempre potenzialmente sinonimo di evasione fiscale o riciclaggio di denaro sporco e questo non è cambiato anche con il nuovo governo.

I controlli sono sempre più penetranti

Il cuore dei controlli sono proprio gli algoritmi dell’intelligenza artificiale. Infatti con i controlli digitali sui conti correnti diventa facile capire chi preleva troppo. I prelievi troppo forti e troppo frequenti al bancomat possono essere una di quelle spie in grado di innescare i controlli del fisco. Dunque l’aumento al tetto del contante, il governo lo ha fatto in coerenza con quanto promesso in campagna elettorale. Ma ciò non toglie che i controlli del fisco sul bancomat divengano sempre più accurati e penetranti.