I presidi dicono che è impossibile controllare i Green pass e torna l’incubo Dad

È una fonte autorevole quella che parla di preoccupazioni per il ritorno di Green pass. Parliamo di Agostino Miozzo che fino a marzo ha coordinato il CTS e da marzo è consulente del Ministro della Pubblica Istruzione.

La Dad non la vuole più nessuno. I genitori sono esasperati dalle esperienze passate. Le prove Invalsi dicono che è stata un disastro per la qualità dell’apprendimento degli studenti. Draghi ha fatto capire che per lui la Dad è un grosso problema per il paese e che vuole un’istruzione di di qualità che può essere assicurata solo dalla scuola in presenza. Ma a fronte di questo disprezzo generalizzato per la didattica a distanza, Resta il fatto che i presidi sottolineano la fragilità dell’impianto messo in campo dal governo. Il governo punta tutto sul green pass. Il Green pass e per l’esecutivo draghi la garanzia di bassi contagi e quindi di poter riprendere la scuola in presenza.

Un sistema fragile

Ma una misura come il Green pass non ha senso se non vengono effettuati i dovuti controlli. Ma chi toccano questi controlli? Toccano proprio ai presidi che però non sono stati forniti di personale extra per svolgere questo complesso compito. Ecco che allora sia i presidi che Agostino Miozzo sottolineano che la macchina non potrà che incepparsi. In particolare Miozzo denuncia come decisioni cruciali e delicate vengano demandate a organismi locali e ai presidi, completamente impreparati a gestire un’emergenza di queste proporzioni.

Leggi anche: Cambia il Reddito di Cittadinanza e dovrai dimostrare di voler lavorare

Miozzo dice chiaro e tondo che i genitori assai facilmente si ritroveranno i figli in Dad in una situazione di conflitti di decisioni e di competenze paralizzante.

Leggi anche:E’il mistero dei misteri: nessuno sa perchè Amazon apre negozi fisici

Il superconsulente sottolinea come l’autonomia scolastica e locale in una situazione come questa sia assurda e fuori luogo ed aggiunge criticità ad una gestione già fragile.