In Puglia la scuola avveniristica che garantisce il 100% di occupati

In Puglia la scuola avveniristica che garantisce il 100% di occupati. Sembra un’utopia ma in realtà ITS Apulia Digital Maker genera sviluppatori 4.0.

Dunque genera quei professionisti che navigano tra Internet of Thing, animazione 3D, realtà virtuale, app, droni, coding. In parole povere sviluppa quelle professioni delle quali c’è tanto bisogno e che le aziende non riescono a trovare. ITS Apulia Digital Maker nel 2017 è nato e si è sviluppato grazie ad una quindicina di aziende pugliesi che avevano bisogno di figure hi-tech da collocare nella loro struttura. Innovazione, tecnologica innovazione digitale, sviluppo di applicazioni Java: queste alcune delle linee d’eccellenza. Parliamo di una scuola che ad un anno dal titolo ha il 100% di tasso di occupazione numeri che farebbero brillare gli occhi in altri contesti e che invece sono proprio ubicati in Puglia.

Una realtà educativa perfetta

Questa scuola forma giovani che poi appena conseguito il titolo di studio, lavorano per sviluppare e-commerce applicazioni per dispositivi mobili, videogiochi e piattaforme di realtà virtuale. Il presidente della fondazione alla quale è legata questa scuola, Euclide della Vista racconta con orgoglio come la Regione Puglia abbia aiutato molto questo polo del sapere tecnologico a crescere e ad avere percorsi formativi di assoluta eccellenza. L’80% dei docenti viene dal mondo del lavoro e metà delle ore sono svolte in azienda o in laboratori d’avanguardia. In questa scuola d’eccellenza la partecipazione paritaria tra docenti ed imprese per formare personalità immediatamente utili alle aziende per innovare è un’assoluta realtà da anni.

Leggi anche: Criptovalute e catene di Sant’Antonio: il rischio è forte

L’ITS Apulia Digital Maker ci ricorda che le buone intenzioni ogni tanto riescono anche a diventare concreta realtà.

Leggi anche: Ecco l’opportunità per mettersi in proprio: torna il Salone del Franchising

Le sedi principali sono a Bari, Foggia e Lecce. Si spera che presto se ne possa aprire una anche a Taranto che necessiterebbe di un impegno più concreto e meno parolaio per la sua conversione.