NFT: occasione di guadagno unica per piccoli influencer creativi

I non fungible token crescono sempre di valore e crescono anche nell’attenzione della gente.

La moda, il fumetto, ma anche l’arte, sono tanti i settori che stanno utilizzando questa particolarissima tecnologia per creare oggetti unici da vendere comprare e collezionare. Per gli influencer, magari anche piccoli, ma dotati di senso estetico e creatività i non fungible token sono un’occasione unica di guadagno ma anche di interazione con la propria fanbase. Difatti i non fungible token possono essere l’occasione per cristallizzare un certo tipo di sensibilità e di gusto e per creare una linea di prodotti virtuali ma concretissimi che possono suscitare l’attenzione dei fan affezionati di un influencer. Questo perchè i non fungible token non sono necessariamente delle opere d’arte, ma sono anche dei souvenir dei memorabilia, sono anche una sorta di album dei ricordi.

Oltre il consueto merchandising

Ecco perché gli influencer che desiderano proporre dei prodotti ai propri fan che non siano il semplice merchandising, ma che siano qualcosa di più unico e personale sicuramente hanno in questa tecnologia un alleato prezioso. Infatti se fino ad oggi gli influencer avevano un’occasione di guadagno semplicemente dalla vendita di articoli con il proprio brand i non fungible token sono una strada completamente diversa. Da una parte ci si allontana da beni tutti uguali e prodotti in serie e dall’altra si può catturare meglio la sensibilità che in qualche modo lega il personaggio social e chi lo segue. Alcuni esperimenti in questo senso stanno andando molto bene. E’ noto che TikTok sta puntando in questa direzione, ma per ora solo con un gruppo ristretto di influencer.

Leggi anche: Bitcoin: previsto un raddoppio, ma i regolatori possono stroncarli

Tuttavia molti ritengono che il connubio tra influencer e NFT diventerà sempre più stretto e “fisiologico”.

Leggi anche: OnlyFans fa guadagnare subito (anche senza porno) e gli altri social sembrano vecchi

D’altra parte sarebbe parte di quella migrazione verso il social commerce che è già potentemente in atto.