Postepay che smettono di funzionare: vediamo cosa si rischia e cosa fare

La carta Postepay è popolarissima in Italia e veramente tanti la usano tutti i giorni.

Ma ci sono delle giornate nelle quali alcuni clienti registrano dei malfunzionamenti e ciò può essere pericoloso. Vediamo perché. Questi malfunzionamenti alle Postepay possono riguardare sia un numero limitato di clienti che anche un’utenza più vasta. Un caso clamoroso si è verificato sabato 27 novembre quando davvero tanti utenti sono stati messi in condizione di non poter utilizzare la propria carta. Queste situazioni vengono monitorate da Poste Italiane onde evitare attacchi hacker pericolosi per gli utenti. Ed infatti è molto importante capire come difendersi in questi casi perché purtroppo non sono poche le volte nelle quali gli utenti della carta Postepay o di altre carte finiscono nel mirino dei malintenzionati. Sms o e-mail truffaldine possono indurci a credere che ci sia un problema sulla nostra carta. Questi messaggi ci invitano a cliccare sul link contenuto per risolvere questi problemi. Ci invitano anche ad autenticarci fornendo le nostre credenziali.

Vediamo come difenderci

Questo è un gravissimo errore perché è proprio facendo questo che i malviventi possono penetrare non tanto nel sistema Postepay in generale quanto nel nostro account e derubarci. Quindi attualmente non si segnalano attacchi informatici in massa presso Postepay ma soltanto malfunzionamenti legati a disguidi tecnici banali, ma sta a noi fare attenzione ai messaggi che riceviamo. Vediamo in che modo. Quando riceviamo una e-mail o un messaggio da parte di Poste Italiane che ci invita a cliccare su un link  oppure a fornire nostri dati, non dobbiamo assolutamente farlo.

Leggi anche: Tre Bonus nuovi di zecca in arrivo nel 2022 e tanti faranno festa

Se la nostra carta inizia a non funzionare è importante contattare subito il servizio clienti per fare tutte le verifiche del caso e capire se il disguido è qualcosa di banale o qualcosa di più serio.

Leggi anche: Legge 104: vediamo cosa cambia ed il cosiddetto “Bonus caregiver

Nella maggior parte dei casi si tratterà di banali anomalie, ma se siamo vittime di malintenzionati è meglio agire subito.