Rivoluzione nella PA: 2022, tutti avremo il cassetto digitale

A partire dal 2022 la Pubblica Amministrazione cambia e cambia in modo radicale.

La parola d’ordine è efficienza. Ed infatti arriva il cassetto digitale. Efficienza sì, ma anche risparmio e semplicità di utilizzo per gli utenti. Lo scopo del cassetto digitale è quello di mettere in contatto cittadini e pubblica amministrazione in un modo nuovo. Una sorta di archivio condiviso dove si conserveranno atti e documenti. Un vero centro nevralgico di dati al quale faranno capo tante banche dati diverse. Il piano nazionale di ripresa e resilienza punta a trasformare la pubblica amministrazione abbattendo l’inutile burocrazia, ma soprattutto le tante scartoffie. Sparisce così la necessità di conservare tanti documenti e tanta corrispondenza con la pubblica amministrazione. Tutti i vari pagamenti, le varie notifiche: tutto quell’archivio che noi dobbiamo conservare per evitare di essere in difetto nel futuro… svanisce e diventa digitale.

Una rivoluzione su più fronti

Ecco che sparisce perché diventa tutto digitale e conservato a cura dello Stato proprio nel cassetto digitale. Dunque un solo cassetto al quale potranno accedere tanto la pubblica amministrazione che il cittadino e dove sarà conservato tutto senza possibilità che qualcosa vada perduto. Ma il vantaggio è che così eviteremo di perdere tanto, tanto tempo in code inutili. Se ci pensiamo bene perdiamo tantissimo tempo del nostro anno lavorativo in assurde code per chiedere documenti ad un ramo della Pubblica Amministrazione per poi presentare i medesimi documenti ad un altro ramo della Pubblica Amministrazione. Col cassetto digitale tutto questo sparisce. In quest’unico cassetto c’è tutto e di conseguenza diventa molto più facile interagire con la macchina burocratica.

Leggi anche: Bonus facciate 90% 2022: è caos sulla data di fine lavori

In concreto sarà compito di cittadini, imprese e pubblica amministrazione, fare in modo che questa novità funzioni e che sia un effettivo vantaggio.

Leggi anche: Attenzione alle istanze di riesame in autotutela: brutte novità dalle Entrate

Dunque importante sia per le aziende che per i cittadini prepararsi a questa radicale novità che sulla carta è estremamente promettente.