Metaverso: lasciate perdere. Elon Musk lo stronca

Il metaverso è davvero il futuro? Elon Musk non ne è per niente convinto, anzi non usa parole molto amichevoli nei confronti del nuovo feticcio della cultura digitale.

Il metaverso in realtà è un vecchio concetto tornato di moda grazie a Mark Zuckerberg che ha detto che il suo Facebook si sarebbe trasformato in Meta una grossa società focalizzata sul metaverso. Da quel momento tutti quanti hanno iniziato a parlare di metaverso e di quanto fosse importante investire nel metaverso. Si è creata la percezione comune che le aziende devono migrare verso il metaverso e che se non si è in questa nuova realtà virtuale si è in un certo senso indietro rispetto all’evoluzione tecnologica. In effetti gli investimenti in questo senso sono davvero ingenti ed il concetto di metaverso sta suscitando grande interesse, ma adesso il patron di Tesla lo stronca.

Poca concretezza

Sicuramente il Elon Musk non è uno di quelli che vuole seguire il gregge e lo dimostra ancora una volta. Ha parlato con grande scetticismo del metaverso. Ha detto che gli sembra assai poco probabile che la gente passi parecchio tempo con un visore attaccato alla faccia. Insomma per lui la tecnologia è davvero troppo acerba per pensare a qualcosa del genere. Ma allora perché si parla tanto di metaverso? Per il fondatore di Tesla è un grande fenomeno di marketing. Infatti lui dietro il metaverso vede tanto marketing ma poca concretezza. Non è il solo a sostenere che si sta correndo troppo con la fantasia parlando di metaverso e che poche esperienze spurie non possano far parlare di un nuovo comparto dell’economia e di una nuova realtà solida.

Leggi anche: Borsa, attenzione alla quiete di plastica. I numeri parlano di crollo

Molto spesso infatti va di moda etichettare come metaverso semplicemente delle piattaforme di videogame particolarmente immersive e particolarmente coinvolgenti per gli utenti.

Leggi anche: Biotecnologie: con questi ETF guadagnare da questo comparto è semplice

Sicuramente il Elon Musk con questa uscita ha gettato un grosso sasso nello stagno che si inserisce nel vasto dibattito sulla concretezza di questa presunta evoluzione di internet.