Canone RAI 2022: esenzioni tutte da rifare. E bisogna sbrigarsi

Il canone RAI ritorna in questo 2022 in bolletta. Ma una brutta sorpresa arriva per chi aveva l’esenzione.

Se n’è discusso tantissimo, ma il canone RAI alla fine uscirà dalla bolletta. Ma uscirà dalla bolletta soltanto nel 2023. Per quanto riguarda questo 2022 il canone rimane nella bolletta dell’energia elettrica che nel frattempo lievita del 50%. Insomma stangate da tutte le parti in quello che doveva essere l’anno del taglio delle tasse. Ma i €90 dell’odiato canone RAI possono anche essere evitati grazie all’esenzione. Infatti chi non possiede apparecchi televisivi può chiedere l’esenzione dal pagamento del canone TV. Ma come vedremo c’è da prestare particolare attenzione perché le cose non sono così semplici.

Esenzione da ripresentare

Per chiedere l’esenzione dal pagamento del canone della televisione italiana c’è bisogno di non essere in grado di ricevere il segnale TV. La domanda va presentata entro il 31 gennaio 2022. Questa domanda presentata entro il 31 gennaio dà diritto ad essere coperti per tutto il 2022. Se non si fa in tempo la si può comunque sia presentare il 30 giugno 2022, ma si sarà coperti soltanto per il secondo semestre dell’anno. Ciò che molti ignorano è che la domanda va ripresentata continuamente anno per anno. Dunque tutti i soggetti esenti che nel 2021 non hanno pagato il canone tv, dovranno comunque sia ripresentare la domanda esattamente come tutti gli altri, altrimenti se lo ritroveranno nuovamente in bolletta. Dunque come abbiamo detto la domanda va presentata anno per anno.

Leggi anche: Bonus Renzi 2022: arriva la sorpresa che fa felici tanti, ma non tutti

Una notizia positiva almeno deriva dal fatto che l’assurda proposta di estendere il canone RAI anche a smartphone e tablet non è stata effettivamente accolta dal Parlamento.

Leggi anche: Bonus elettrico salute: caro bolletta azzerato per tante patologie

Attenzione, però: chi dichiara il falso per non pagare il canone rischia sanzioni salate.