Pensioni: come fare ad avere quella maxi a marzo. Novità dall’INPS

L’inflazione sta colpendo duro le famiglie italiane e per i pensionati la situazione è particolarmente delicata.

Dall’INPS arriva perlomeno una buona notizia, vale a dire quella dell’aumento delle pensioni. Le pensioni aumentano per via della cosiddetta perequazione, cioè all’adeguamento del trattamento pensionistico all’inflazione effettivamente vigente. Il direttore dell’INPS Pasquale Tridico aveva parlato di un corposo 1,7% di rivalutazione della pensione. Dunque già da questo gennaio avremmo dovuto avere questo aumento del 1,7%. Ma poi l’INPS lo ha corretto: a gennaio ci sarà soltanto il 1,6% di aumento. Questo 1,6% di aumento varrà anche a febbraio e di conseguenza soltanto a Marzo si avrà la pensione piena vale a dire quella con l’aumento al 1,7%. Ma a Marzo si recuperano anche i soldi persi a gennaio e febbraio? Vediamo come funziona.

Come avere la pensione piena

Per l’INPS realizzare la perequazione di tutte le pensioni italiane è stato più complesso di quanto non sembrasse inizialmente. Di conseguenza la perequazione piena al 1,7% già da gennaio sarebbe stata impossibile. Ecco perché l’INPS si è presa due mesi di tempo in più per fare le cose per bene. La questione pensionistica è caldissima e molte associazioni dei consumatori bacchettano il governo per questi aumenti giudicati insufficienti. Con un aumento della bolletta di luce e gas del 50% solo questo mese, come possono essere sufficienti aumenti pari all’1,7%? Dunque la situazione per i pensionati decisamente non è allegra, come del resto non lo è per tutte le altre famiglie italiane. Quindi a marzo avremo la pensione con la perequazione al 1,7% più il recupero di gennaio e febbraio ma come fare per averlo?

Leggi anche: Bonus mobili ed elettrodomestici 2022: cosa cambia e perchè conviene

Niente paura il tutto avviene in maniera completamente automatica.

Leggi anche: Bonus elettrico salute: caro bolletta azzerato per tante patologie

Dunque a marzo il pensionato troverà tutto quello che gli spetta già nella sua pensione.