Bonus Mobili 2022: ecco che succede se il Superbonus 110% viene ceduto

La manovra appena approvata in parlamento e pubblicata in Gazzetta Ufficiale ha deciso il destino di tutti i vari bonus che hanno aiutato la ripresa italiana post Covid.

In particolare il Superbonus 110% è stato riconfermato. Una riconferma lunga perché il superbonus 110% è stato riconfermato per più anni anche se la percentuale andrà gradualmente a diminuire nel tempo. Ad essere riconfermato è anche il bonus mobili. Questa è stata una riconferma piuttosto sofferta perché il bonus mobili è stato al centro di una trattativa parlamentare piuttosto articolata. Infatti il bonus mobili per il 2022 vede scendere il suo tetto massimo dai €16000 ai €10000. Ma a lungo si era parlato di €5000. La soglia dei €5000 invece scatterà a quanto pare per gli anni prossimi. Il superbonus 110% ed il bonus mobili sono connessi perché il bonus mobili non esiste da solo, ma ha come presupposto il dover andare a riarredare con mobili e grandi elettrodomestici una parte della casa sulla quale si è intervenuti con opere edilizie.

Vediamo che succede

Un problema che ora viene sollevato è cosa succede se il superbonus 110% viene ceduto tramite la possibilità del tutto lecita della cessione del credito. Difatti il superbonus 110% può essere fruito o come detrazione sull’Irpef o come cessione del credito o come sconto in fattura. Ebbene sul punto è intervenuto un chiarimento autorevole. Come ricordato da Investire Oggi è la circolare n. 30/E del 2021 dell’Agenzia delle Entrate a chiarire che anche nel caso di cessione del credito o sconto in fattura il bonus mobili è perfettamente praticabile.

Leggi anche: Bonus Casa 2022: detrazione Irpef in 5 anni al posto di 10

Tuttavia ciò non cambia il fatto che il bonus mobili, però, in se stesso possa essere fruito soltanto soltanto come detrazione sulla dichiarazione dei redditi.

Leggi anche: Il Bonus Psicologo salta, ma tu puoi averlo lo stesso così

Dunque piena libertà sulla modalità di fruizione del Superbonus 110%