Bonus Mobili 2022: facciamo chiarezza su requisiti e cronologia acquisti

Con la Manovra Finanziaria il Bonus Mobili e grandi elettrodomestici è stato riconfermato.

Sicuramente una notizia positiva per tutti coloro i quali amavano questo bonus, ma è utile fare chiarezza perché alcune cose cambiano e ci sono in giro convinzioni sbagliate e pericolose. La prima cosa a cambiare e sicuramente il tetto di spesa che purtroppo scende dai €16.000 dello scorso anno ai €10.000. Quindi parliamo di un bonus comunque ridimensionato. Ma è soprattutto importante fare chiarezza sul fatto che il bonus mobili non sia autonomo e non possa perciò essere richiesto da solo. Ultimamente stanno circolando voci secondo le quali il bonus mobili si potrebbe chiedere praticamente da solo. È vero che il bonus mobili non necessita necessariamente di grandissimi interventi Infatti anche semplicemente un rifacimento dell’impianto di riscaldamento basta per averlo. Ma non è neppure vero però che si possa avere da solo. Il Bonus Mobili serve comunque sia a riammobiliare con mobili e grandi elettrodomestici una casa nella quale sia avvenuto un certo lavoro edile. Attenzione però ad alcune cose.

Condizioni sulle quali non si può sbagliare

Innanzitutto gli elettrodomestici devono essere di classe energetica piuttosto ecologica: quindi guai a comprare grandi elettrodomestici energivori. Per ogni tipo di elettrodomestico c’è la classe energetica minima alla quale deve appartenere. Poi è importante che gli acquisti vengano fatti con sistema di pagamento tracciabile. Infatti non sono ammessi al bonus mobili e grandi elettrodomestici acquistati in danaro contante. Ma poi è anche fondamentale che mobili e grandi elettrodomestici vengano acquistati dopo la data esecuzione di questi lavori e non prima. Il mancato rispetto anche di uno solo di questi requisiti può far perdere il bonus mobili e grandi elettrodomestici.

Leggi anche: Bonus giardini e terrazzi 2022: ricco e con proroga triennale

Chiarito questo, resta il fatto che il Bonus Mobili è relativamente facile da avere.

Leggi anche: Bonus Facciate 2022: prorogato e migliorato. Ora ti conviene

Questo ne spiega il successo.