Bonus edilizia 2022: i prorogati, i cancellati, i nuovi, gli imperdibili

I Bonus edilizi o Bonus casa escono profondamente modificati dall’ultima Manovra Economica del Governo.

Di conseguenza è giusto fare il punto della situazione su questi bonus così importanti per la ripresa economica italiana, ma anche così controversi. Il superbonus 110% è stato confermato ma scadrà nel 2023. Poi lo stesso bonus verrà riproposto ma con percentuali via via sempre più basse. Il bonus facciate ha subito una pesante cura dimagrante perché è passato dal 90% al solo 60%. Il lato positivo è che adesso è applicabile anche a porzioni di facciata. Ma questo non deriva dalla manovra finanziaria bensì dei chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. Il cosiddetto bonus verde rimane invariato e consentirà a chiunque lo desideri di creare o restaurare zone verdi su terrazze, giardini, eccetera. Confermato anche il bonus mobili che però scende da €16.000 di tetto massimo a soli €10.000. Confermato anche il bonus per le ristrutturazioni, ma tra tanti bonus che diminuiscono di valore si fa notare sicuramente il bonus nuovo di zecca per la rimozione delle barriere architettoniche.

Novità e rischi

Si tratta di un bonus dal grande valore etico perché consente di avere ben il 75% di sconto su tutti i lavori necessari per rimuovere le odiose barriere architettoniche. In soli 5 anni si potrà riavere indietro ciò che si è speso. Ma c’è anche la possibilità di cessione del credito e sconto in fattura. Ma attenzione però: se la rimozione delle barriere architettoniche diventa un lavoro trainato, ecco che si può accedere al 110% di sconto nell’ambito del superbonus. Tra i vari bonus casa viene a volte anche citato il bonus IMU. Ma in realtà a rigor di logica non rientra tra questi perché si tratta di un’agevolazione fiscale per quei commercianti che spostano la loro attività in contesti a rischio di spopolamento.

Leggi anche: Superbonus 110%: costi alle stelle e fisco. Gabanelli chiede più controlli

Ma il vero nemico dei bonus sono i troppi che ne hanno approfittato ed ora i controlli si fanno più duri.

Leggi anche: Bonus casa 2022: quelli senza antifrode e quelli che te la fanno acquistare

L’altro grande nemico è il rincaro dell’edilizia.