Bonus casa 2022: ampliamento di cessione del credito e sconto in fattura

Con la Manovra Finanziaria tante modifiche sono arrivate per i Bonus casa, ma anche le critiche non sono mancate.

Alcuni bonus vengono ridotti, altri vengono potenziati o modificati. Sicuramente le novità per quanto riguarda il fronte dei bonus casa avranno fatto storcere il naso a qualcuno, nel caso del bonus facciate che è passato dal 90% al 60%. Questo bonus ha fatto molto discutere perché nonostante sia diminuito di valore è oggi però applicabile anche a singole porzioni della facciata e quindi è più semplice utilizzarlo. Ma vediamo le novità per quanto riguarda il cessione del credito e sconto in fattura. Come sappiamo questi due meccanismi per usufruire del bonus sono molto graditi dagli italiani. I bonus che difettano di queste due vie hanno sicuramente un qualcosa in meno. Ipsoa sottolinea come ci siano due fattispecie nuove di zecca per le quali è possibile usufruire di cessione del credito e sconto in fattura. La prima è per quanto riguarda la realizzazione di posti auto pertinenziali o di autorimesse. Persino se siano di proprietà comune.

Ecco le novità

In questo caso cessione del credito sconto in fattura si applicano alle spese sostenute nel 2022, 2023 e 2024. Quindi questo nuovo caso che prevede la cessione e lo sconto in fattura ha avuto già dal suo debutto un respiro particolarmente lungo. L’altro nuovo caso per cui arrivano cessione del credito e sconto in fattura è per il nuovissimo bonus per la rimozione delle barriere architettoniche. Il bonus per la rimozione delle barriere architettoniche è la grande novità di quest’anno. E’ un bonus molto ricco che vale addirittura il 75% e consente di rimuovere le odiate barriere architettoniche sia da singoli appartamenti che dalle parti comuni di uno stabile.

Leggi anche: Superbonus e Fisco: controlli preventivi, 30 giorni e GdF verifica con Prisma

Riguardo il bonus per le barriere architettoniche è però il caso di sottolineare una cosa.

Leggi anche: Bonus casa 2022: chi comunica cessione del credito e vediamo se conviene

Se questi lavori di rimozione delle barriere architettoniche vengono fatti passare come trainati di un più ampio intervento rientrante nel Superbonus 110% chiaramente il risparmio cresce.