Nuovi limiti per i bonifici: se li superi scattano multe sino a 25.000€

Il Governo ha dichiarato guerra al denaro contante e ha posto limiti assai serrati al suo utilizzo. Ma attenzione ai bonifici perché ora sono sotto la lente del Fisco.

Vediamo perché. Se con i limite a €1000 il governo ha voluto sanzionare l’uso del contante per evitare l’evasione, anche l’utilizzo di un mezzo tracciabile come il bonifico è ora sotto la lente attenta del fisco. Stavolta però il fisco più che andare a caccia degli evasori va a caccia dei riciclatori di denaro sporco. Il bonifico è un mezzo tracciabile e dunque l’evasore fiscale chiaramente non lo userà preferendo sempre il contante. Ma il riciclatore di denaro sporco può usare bonifici per ripulire somme che hanno provenienze oscure. Ma vediamo quando il fisco comincia ad insospettirsi. Bonifici multipli reiterati nel tempo o anche pagamenti che vengono in maniera tracciabile ma bypassando la banca sono fortemente attenzionati dal fisco.

Comportamenti che fanno insospettire

Facciamo un esempio pratico: non c’è nulla di male ad andare in un negozio e fare una spesa da €100 e pagare attraverso il POS. Ma se questo avviene in maniera troppo sistematica e ripetuta ecco che il fisco può insospettirsi. In generale qualsiasi passaggio di danaro appaia anomalo nel quadro complessivo di chi lo eroga e di chi lo riceve può far partire i controlli del fisco. Infatti sarebbe sbagliatissimo credere che il fisco cerchi di perseguire unicamente gli evasori. Può sembrare paradossale ma anche eccedere con la tracciabilità può diventare pericoloso. Infatti il riciclatore di denaro sporco vuole la tracciabilità perché proprio nella tracciabilità ha lo strumento per ripulire i proventi di attività illecite. Vediamo perchè il fisco è più sospettoso.

Leggi anche: 200.000 lettere del Fisco pronte a partire. Le partite IVA tremano

L’attività di indagine della macchina fiscale si è molto intensificata perchè oggi attraverso i mille nuovi canali tracciabili di pagamento che sono nati, riciclare è molto più facile.

Leggi anche: Fisco 2022: scompare l’aggio e superproroga. Occhio ai termini

Dopo la pausa per il Covid, i controlli ora sono decisamente più serrati.