Buone notizie: se ami solo Netflix e snobbi la RAI, risparmi il Canone

Il Canone RAI è una tassa molto odiata da tutti quegli italiani che preferiscono servizi più moderni e non amano la classica TV generalista.

Ecco come possono non pagarlo. Sono tantissimi gli italiani che vivono il pagamento dei €90 del canone RAI come un’autentica ingiustizia. Si tratta di tutti quegli italiani che non guardano la tv generalista preferendo servizi a pagamento come Netflix o Prime video o anche servizi streaming gratuiti come Pluto. La realtà è che negli ultimi anni la televisione è cambiata moltissimo e specialmente i ragazzi ma anche tantissimi adulti guardano le loro serie preferite su smartphone e tablet della vecchia tv non sanno che farsene. Vediamo come si può abbandonare completamente la vecchia televisione ed evitare il canone RAI. Basta presentare una dichiarazione nella quale si attesta di non avere alcun televisore o apparecchio capace di captare il segnale televisivo e così si potrà non pagare il canone RAI. Ma attenzione perché ci sono dei paletti che è importante conoscere.

Così non lo paghi più

Prima di tutto la domanda va presentata entro il 31 gennaio quindi il termine è brevissimo. Presentando la domanda entro il 31 gennaio si sarà esentati per tutto il 2022. Se non si riesce a presentarla entro il 31 gennaio la si può sempre presentare entro il 30 giugno ma in questo caso si sarà esentati solo per il secondo semestre dell’anno. L’altra cosa a cui fare attenzione e che bisogna essere sprovvisti nella propria casa sia di televisione che li computer. Infatti anche se si ha un computer purtroppo bisogna pagare comunque sia il canone tv anche se non è giusto. Presentando questa domanda si risparmieranno i €90 del canone RAI che potranno essere impiegati per un abbonamento al servizio di streaming preferito come per esempio Netflix.

Leggi anche: Bollette: raddoppiate in un anno. Bonus, rate ed eviti il distacco così

Ma ci sono anche i servizi streaming gratuiti e ne stanno nascendo sempre di più quindi si potrebbe anche non pagare il canone RAI ed unicamente fruire di contenuti gratuiti.

Leggi anche: Tari: cambia tutto su rateizzazione e rimborsi. La strana novità sul bonus

L’importante però è fruirne su smartphone e tablet perché ovviamente televisore e computer sono banditi.