Vivere senza luce e gas: c’è chi lo farà, i prossimi aumenti sono esagerati

È questo l’allarme che tante associazioni dei consumatori stanno lanciando: troppe famiglie italiane si trovano in condizioni di povertà energetica.

Ormai non ha più senso di parlare di stangata di gennaio o di quella di febbraio perché praticamente ogni mese ci sono aumenti su luce e gas e i bonus del governo sono assolutamente insufficienti. Secondo alcune stime i bonus andrebbero ad alleggerire di solo il 6% i rincari complessivi. Quindi davvero un nulla se paragonato alla batosta che gli italiani stanno subendo. Gli esperti del mercato dell’energia sottolineano come petrolio e gas naturale stiano aumentando senza freni e ciò si ripercuoterà inevitabilmente sulle bollette per i mesi a venire. Ma come possono gli italiani fare fronte ad aumenti così tremendi? I bonus sociali del governo spettano soltanto a chi percepisce il reddito di cittadinanza o a chi sia collegato a macchine salvavita alimentate ad energia elettrica.

Troppi aumenti ma c’è una speranza

Spettano anche a chi abbia un ISEE sotto gli €8000 o sotto i €20.000 ma con 4 figli a carico. Ad ogni modo questi bonus sono troppo limitati e le associazioni a tutela dei consumatori prevedono che davvero tante famiglie non ce la faranno. Gli studi dicono che negli ultimi 12 mesi le bollette sono sostanzialmente raddoppiate. Ma il problema è che siamo solo all’inizio. Infatti studiando l’andamento dei mercati di gas naturale e petrolio emergerebbe un altro aumento atteso per il 2022 di oltre il 70%. Anche perché i rincari continui dell’energia e del gas si sommano a quelli dei generi alimentari e della benzina. Questo non fa che acuire ancora di più le disparità tra ricchi e poveri che il covid ha fatto esplodere.

Leggi anche: Reddito di Emergenza: niente rinnovo, ma arriva il Reddito di Base

Troppe famiglie rischiano di scivolare sotto la soglia della povertà.

Leggi anche: Addio caro benzina con bici o monopattini nuovi: €750 te li regala il bonus

Gli italiani sperano che si concretizzi si presto il reddito di base universale onde evitare che davvero troppi non ce la facciano ad andare avanti.