Superbonus: novità positiva dalle Entrate su proroga per le unifamiliari

Novità dalle Entrate per quanto riguarda le unifamiliari ed il Superbonus 110%.

L’Agenzia delle Entrate ha appena pubblicato delle nuove linee guida relative al superbonus sulle unifamiliari. Come sappiamo il super bonus è diventato piuttosto complesso per le unifamiliari in questo 2022. Mentre per altri tipi di immobili il superbonus continuerà per anni, per le unifamiliari il termine era davvero risicato. Poi è arrivata la proroga al 31 dicembre 2022. Il limite del l’ISEE inizialmente previsto è saltato. Ma la proroga fino alla fine del 2022 vale sempre che entro il 30 giugno almeno il 30% dei lavori sia stato ultimato. Ma ora dalle Entrate arrivano le nuove linee guida sulla proroga. Prima di vederle, però c’è un’utile precisazione da fare. Sappiamo bene che ora tutto è reso molto più complicato dalla stretta sulla cessione del credito. Infatti con una sola cessione del credito possibile molti cantieri, anche di unifamiliari e villette, rischiano di trovarsi nei guai. Secondo l’Ance molti di questi cantieri rischiano di bloccarsi e causa del limite e questo sta spaventando molti.

Come si calcola il 30%?

Ma veniamo alle novità sul computo del 30% dei lavori. Con queste nuove linee guida i contribuenti potranno orientarsi in merito alla scadenza del 30 giugno 2022. Quello che viene chiarito dall’agenzia delle entrate è un tema molto complesso ed importante che sta a cuore a molti. Il superbonus 2022 per le unità unifamiliari arriva fino alla fine del 2022 ma come detto elemento cardine diventa il 30% dei lavori ultimati entro il 30 giugno. Il contribuente con la domanda alle entrate ha chiesto su che cosa vada calcolato concretamente questo famoso 30%. L’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che il 30% va calcolato sui lavori nel complesso portati avanti dal cantiere e non solo per quelli che beneficiano del super bonus.

Leggi anche: Caro energia, belle novità che salvano: bonus, rate e divieto di distacco così

Dunque il 30% dei lavori totali ultimati e non 30% dei lavori agevolati: questo è il criterio.

Leggi anche: Superbonus 2022 è una calamita per il Fisco. Controlli su conti e auto

Un utile chiarimento prezioso per tanti.