Bollo auto: la scadenza che tutti abbiamo dimenticato, calcolo sanzione

Il bollo auto è tornato in questo 2022 e si riconferma una delle tasse più odiate dagli italiani. Peccato aver saltato la scadenza del 31 gennaio.

È una tassa particolare che negli ultimi due anni aveva fatto registrare una specie di tregua con il fisco che aveva concesso delle dilazioni e delle proroghe. Insomma in piena pandemia di covid il fisco è stato tollerante nei confronti del bollo dell’auto. Oggi però non è più così. Sebbene il covid e l’inflazione stiano mettendo in ginocchio tante famiglie italiane, il meccanismo del bollo torna con una nuova durezza. Il bollo infatti è una tassa dovuta sul possesso dell’auto e a parte i pochi fortunati che sono completamente esenti gli altri devono tutti pagarla senza eccezione. Gli esenti sono coloro i quali abbiano auto d’epoca oppure auto elettriche o ancora auto adibite al trasporto di persone diversamente abili. Ma c’è una scadenza che è passata ieri e probabilmente in tanti l’hanno dimenticata. Vediamo di che si tratta.

La scadenza saltata

Il bollo auto scade l’ultimo giorno del mese successivo a quello dell’immatricolazione. Quindi per ogni auto c’è una scadenza diversa. Di conseguenza chi non abbia ottemperato al pagamento del bollo auto tramite le tante modalità possibili on-line o in ricevitoria o all’ACI entro la giornata di ieri sarà passibile di multe e sanzioni. Ovviamente ciò riguarda tutti coloro i quali hanno immatricolato la loro auto nel mese di dicembre di qualsiasi anno. Infatti per le auto immatricolate a dicembre la scadenza era proprio ieri. Ricordiamo che per pochi giorni di ritardo si applica una semplice mora, ma per ogni giorno in più la mora aumenta in proporzione e dopo 3 anni si arriva addirittura al ritiro delle targhe.

Leggi anche: Vivere senz’auto con questo trucco: la gioia di essere liberi e con tanti soldi in più

Dunque se effettivamente abbiamo una di quelle auto il cui bollo scadeva ieri affrettiamoci a rimetterci in pari perché in questi giorni pagheremo davvero poco.

Leggi anche: Superbonus: che succede, solo mezza cessione del credito per alcuni

Ma poi la sanzione andrà via via aumentando.