IRPEF 2022: che beffa i conti, non cambia quasi niente per nessuno

Una delusione. La riforma dell’Irpef ha fatto parlare di sé per mesi e tutti i giornali economici e non, ne hanno dato ampio spazio come ad una rivoluzione clamorosa.

Ma ovviamente si può parlare di qualcosa soltanto quando si cominciano a fare i primi calcoli e si cominciano a fare i conti in tasca concretamente alle persone. E’ il sito Informazione Fiscale a dare una notizia veramente clamorosa. Il sito specializzato in fisco ha condotto infatti un sondaggio tra i suoi lettori ed il risultato ha veramente del clamoroso. Addirittura per l’82% degli intervistati la cosiddetta rivoluzione dell’irpef è assolutamente ininfluente. In parole povere per la quasi totalità degli italiani questa rivoluzione non cambia sostanzialmente nulla sul piano pratico. Davvero clamoroso il risultato di questo sondaggio ma c’era chi aveva già in qualche modo anticipato che la situazione potesse essere questa.

Perché è così deludente?

Lo stesso Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva parlato di un semplice primo passo. E la Fondazione dei Consulenti del Lavoro aveva sottolineato come i vantaggi fossero minimi e poco redistributivi. Il vero baratro in tutta questa questione rimangono i tanti italiani che non sono proprio stati toccati dalla riforma IRPEF perché in stato di bisogno. Dopo la pandemia di covid gli italiani che non ce la fanno sono veramente troppi e sempre più urgente diventa la questione del reddito di base universale. Eppure bisognerà comunque sia attendere marzo per fare i conti in modo più preciso perché da marzo arriverà l’assegno unico e non pochi temono che l’irrilevanza della manovra voluta dal governo a quel punto sarà confermata ancora con maggior forza. Ma come mai una riforma voluta come profonda ed incisiva, in realtà non cambia quasi nulla? 

Leggi anche: Fisco: stretti all’angolo dal nuovo algoritmo che di noi sa persino questo

La distanza tra chi ce la fa e chi non ce la fa è aumentata col covid ed i piccoli numeri della manovra non cambiano nulla in questa situazione.

Leggi anche: Forfettari e fattura elettronica: quando arriva e cosa succede al bollo

Insomma decisamente deludenti i risultati di questo sondaggio.