RdC: pagamento di dicembre ed errori che lo fanno perdere

Nel mese di dicembre il reddito di cittadinanza riceverà il suo pagamento, ma occhio ad un errore che gli anni scorsi è costato caro.

Dunque la data da segnare sul calendario è quella di venerdì 27 dicembre. Ma chi lo percepisce per i primi mesi riceve il pagamento nei giorni precedenti. Ma visto che siamo in periodo natalizio è importante sottolineare come un errore apparentemente banale abbia creato problemi gli scorsi anni a tanti percettori del reddito di cittadinanza. È vero: il periodo è quello di Natale e a tutti piacerebbe spendere i soldi con maggiore libertà e serenità. Tuttavia va ricordato che i soldi ricevuti con il reddito di cittadinanza hanno dei paletti. Gli anni scorsi alcuni percettori del reddito di cittadinanza proprio durante il periodo natalizio hanno valicato questi paletti e questo è costato caro.

Un errore grave

E’ allora importante ricordare che il reddito di cittadinanza può essere utilizzato per i servizi e i beni fondamentali. Dunque si può usare per pagare la rata di un mutuo, per pagare le bollette e per le spese sanitarie ed alimentari. Guai ad utilizzarlo per spese non ammesse. Ma il reddito di cittadinanza è nell’occhio del ciclone a causa dei tanti furbetti che ne hanno usufruito senza averne titolo. Proprio per questo sono state introdotte delle modifiche che hanno suscitato molte polemiche. Infatti con le modifiche introdotte perdere il reddito di cittadinanza diventerà assai più semplice. Già al secondo rifiuto di un lavoro proposto, si perderà il reddito grillino.

Leggi anche: Novità sull’incentivo lavoro autonomo: soldi extra per il Reddito di Cittadinanza

Ma la cosa peggiore è che questa seconda proposta di lavoro potrebbe provenire anche dall’altra parte d’Italia o riguardare un lavoro di soli tre mesi.

Leggi anche: Novità Reddito di Cittadinanza: in alcuni casi, sequestro conto corrente

Dire di no ad un lavoro che magari è chiaramente in perdita significa comunque perdere il reddito di cittadinanza, se si tratta della seconda proposta che si riceve.