Fondo perduto Startup: codice tributo e novità per chiederlo e restituirlo

L’Agenzia delle Entrate il 20 dicembre è intervenuta sulla questione del contributo a fondo perduto per le cosiddette Startup.

L’agenzia precisa che i richiedenti avranno gli importi in misura del 100%. E’ stato il decreto sostegni ad aver previsto tanti tipi di aiuti per il covid e in mezzo ai vari sostegni previsti dal decreto, ha trovato posto anche un contributo a fondo perduto per le Startup. Il valore è fino ai €1000. Questo contributo è focalizzato su quelle partite IVA attivate nel 2018, ma con attività iniziata concretamente nell’arco del 2019. È scaduta qualche giorno fa la possibilità di richiedere questo bonus Startup. Il bonus viene erogato o nella forma di un pagamento mediante accredito oppure può essere utilizzato come credito d’imposta. Adesso l’Agenzia delle Entrate ha chiarito qual è il codice tributo per ottenere questo contributo a fondo perduto.

Ecco tutti i dettagli utili

In particolare è la risoluzione numero 75/E del 2021 a segnalare come codice tributo “6956”. Denominazione: “Contributo a fondo perduto per le start-up – credito d’imposta da utilizzare in compensazione – art. 1- ter DL n. 41 del 2021”. Tra l’altro è sempre con la medesima risoluzione che l’Agenzia ha cercato di fare chiarezza per tutti quei casi di soggetti che hanno ricevuto il contributo Startup ma lo devono restituire perché a conti fatti non ne avevano diritto. In questo caso codici tributo e denominazioni sono multiple, ma ne riportiamo una a titolo di esempio. “8128” con denominazione “Contributo a fondo perduto Decreto Sostegni – Restituzione spontanea – CAPITALE – art. 1 DL n. 41 del 2021”. Per effettuare questa procedura andrà utilizzato il modello F24 Elide.

Leggi anche: 800€ al mese di Bonus per le famiglie in difficoltà. Ecco chi può averlo

Ad ogni modo nella risoluzione numero 75/E del 2021 sono indicati analiticamente tutti i codici tributo e le denominazioni per portare avanti la procedura di restituzione.

Leggi anche: Bonus casa, novità: ecco chi deve comunicare la cessione del credito

In questo modo l’Agenzia delle Entrate ha completato gli elementi necessari per questo strumento di aiuto alle nuove realtà imprenditoriali.